Mourinho, Capello contro la Roma e le proprietà americane: «Lavorano senza rispetto per le persone»

Redazione
16/01/2024

L'allenatore dello scudetto del 2001, l'ultimo della storia dei giallorossi, ha difeso il portoghese e attaccato la società: «Lo hanno trattato nella maniera meno rispettosa, come il Milan con Maldini». Poi il consiglio a Daniele De Rossi: «Non serve rivoluzionare tutto».

Mourinho, Capello contro la Roma e le proprietà americane: «Lavorano senza rispetto per le persone»

L’esonero di Josè Mourinho ha sconvolto la Serie A, i tifosi e gli addetti ai lavori. Nonostante la doppia sconfitta nelle ultime due gare, la decisione della dirigenza della Roma di allontanare il tecnico e il suo staff è apparsa a molti quantomeno improvvisa. Intervistato da Sky Sport, anche l’ex allenatore giallorosso Fabio Capello ha detto la sua sulla vicenda. E lo ha fatto criticando la società, definita irrispettosa, e associando il caso di Mourinho a quello di Paolo Maldini, allontanato dal Milan dell’estate 2023. Al posto del portoghese è stato scelto Daniele De Rossi per la panchina della Roma.

Mourinho, Capello contro la Roma e le proprietà americane «Lavorano senza rispetto per le persone»
Josè Mourinho (Getty Images).

Capello: «Queste società americane sono senza rispetto»

Per Fabio Capello «queste società americano lavorano senza rispettare le persone con cui collaborano». Intervistato, l’allenatore che nel 2001 ha vinto l’ultimo scudetto della storia della Roma ha dichiarato: «Lo abbiamo visto al Milan con Maldini e oggi a Trigoria con Mourinho. Non c’è sensibilità dalle loro parti, ma solo business. Io invece penso che serva anche rispetto, magari accordandosi prima e separatamente e non con un comunicato e una telefonata». Giallorossi e rossoneri sono in mano a proprietà americane: i primi sono guidati dalla famiglia Friedkin; i secondi da Gerry Cardinale e dalla RedBird Capital. Difendendo il collega portoghese ha poi continuato: «Che qualcosa non funzionasse si capiva dal fatto che non rispondevano alle sue richieste. Lo hanno trattato nella maniera meno rispettosa e parliamo di uno degli allenatori più importanti della storia».

Mourinho, Capello contro la Roma e le proprietà americane «Lavorano senza rispetto per le persone»
Fabio Capello durante una partita della Roma nel 2003 (Getty Images).

Su De Rossi: «Sarà difficile, deve far vedere quanto vale»

Capello ha anche parlato del nuovo allenatore della Roma, Daniele De Rossi. L’ex centrocampista giallorosso e della Nazionale italiana, ha debuttato in prima squadra da calciatore nel 2001, proprio quando a guidare la squadra era l’esperto tecnico, oggi 77enne. Capello è partito da un consiglio: «Quello di studiare ciò che ha fatto Mourinho finora e cercare di portare qualche piccola variante senza rivoluzionare. Altrimenti vai contro una fascia di spogliatoio che non ti seguirebbe». Poi ha concluso: «Come me ha cominciato nella Spal e qualcosa ci accomuna. Sarà difficile, ma conoscendo l’ambiente romano deve far vedere quanto vale. Da calciatore è stato bravissimo, ora deve farlo vedere da allenatore. Deve lavorare sui giocatori e far vedere che sono una squadra vera. I tifosi dovranno appoggiare molto più la squadra».