Mourinho: «Non so se resto alla Roma dopo il 2024, c’è l’anti-mourinhismo»

Redazione
10/10/2023

Dubbi sul futuro dell'allenatore portoghese che mostra intolleranza verso chi lo critica: «C'è gente felice in tutto il tempo in cui la Roma non vinceva una coppa e non aveva alcun tipo di successo europeo. Si divertono in radio e va bene».

Mourinho: «Non so se resto alla Roma dopo il 2024, c’è l’anti-mourinhismo»

José Mourinho potrebbe non essere più l’allenatore della Roma dopo il 2024. Ad aprire a questa possibilità è stato lo stesso tecnico portoghese che, in un’intervista a Sky Sport, ha ammesso di non avere, al momento, nessuna certezza per il suo futuro professionale nella Capitale.

Il futuro di Mourinho a Roma

«Se resto oltre il 2024? Non lo so» ha detto Mourinho, aggiungendo poi: «Prima di Budapest ho promesso ai calciatori che sarei rimasto. Dopo lo Spezia, all’Olimpico, l’ho promesso anche con i gesti che ho fatto ai tifosi che sarei rimasto qua e adesso sono qua». Tutte le strade, più che portare a Roma, sembrano essere al momento percorribili, con il contratto dell’allenatore giallorosso che scade a giugno 2024.

Il mourinhismo e l’anti-mourinhismo

L’allenatore portoghese che ha riportato la Roma a vincere una coppa europea nel 2022, ha parlato anche nel suo rapporto con la tifoseria giallorossa, divisa, va detto, sulle valutazioni del loro condottiero. Per una larga fetta che ama l’atteggiamento e il lavoro dell’allenatore, ce n’è un’altra che lo vorrebbe lontano da Trigoria. Si parla, infatti, di mourinhismo per chi lo ama e, per stessa ammissione del diretto interessato, di anti-mourinhismo: «Specialmente a Roma, ci sono entrambe le fazioni. Il mourinhismo lo conoscono le persone che sanno cosa ho fatto. L’anti-mourinhismo è cavalcato da gente felice in tutto il tempo in cui la Roma non vinceva una coppa e non aveva alcun tipo di successo europeo. Si divertono in radio e va bene». «L’anti-mourinhismo vende» ha concluso il tecnico giallorosso «il mourinhismo è un modo di stare nella vita più che nel calco».