Napoli, hai 10 buoni motivi per puntare allo scudetto

Alberto Schiavone
27/01/2011

Perché i partenopei possono conquistare il campionato.

Napoli, hai 10 buoni motivi per puntare allo scudetto

Nonostante gli interisti abbiano passato il turno di Coppa Italia con altezzosità, consci (ma senza dirlo) di avere avuto molta fortuna, il Napoli merita attenzione. Anche se la delusione è ancora grande sotto il Vesuvio, la squadra di Mazzarri non si deve perdere d’animo. È seconda in campionato, a soli quattro punti dal Milan. E le chance per vincere lo scudetto non sono poche.
Ecco 10 motivi per cui i partenopei possono ancora puntare al tricolore.

  1. Perché al giro di boa completato è secondo, vince giocando bene e vince pure quando non gioca benissimo. Questo negli anni scorsi non capitava.
  2. Perché per Ibrahimovic sarebbe il settimo scudetto consecutivo. La statistica non è opinione. La scaramanzia, pure. Dalle parti di Castel Volturno lo sanno bene. E le quote si abbassano.
  3. Perché il Napoli ha Lavezzi, Hamsik e Cavani che stappano bottiglie e riempiono i bicchieri. Quando il tappo è saltato e la schiuma finita guardi dietro e vedi mascella Maggio, il foggiano Pazienza e il nano Gargano che corrono e sbuffano. E sai che non sarà facile pareggiare.
  4. Perché Edinson Cavani è brutto, ma davvero brutto, però segna e gioca meravigliosamente. E inoltre è raccomandato dalla Madonna, con il quale si sente regolarmente (a detta sua).
  5. Perché De Sica e Belen, e tutte quelle battute che non fanno ridere, a qualcosa dovranno pure servire.
  6. Perché il Napoli ora ritroverà Cristiano Lucarelli. Come (ex) editore, condottiero, intellettuale, simbolo di qualcosa, lo si può pure discutere, ma tutti d’accordo sul fatto che a buttarla dentro sia capace. Nei minuti finali, o in caso di emergenza, ora Mazzarri sa chi poter mettere in campo. Con tanti saluti a Hoffer e Denis, ammirati solo sulle vetrine dei parrucchieri.
  7. Perché prendi tre gol dall’Inter di questa stagione, va bene. Ed è un caso. Ne fai tre alla Juventus di questi tempi, e ci può stare. Ne ha presi tre anche dalla fantastica attuale Udinese. Allora si può stare tranquilli, è nella norma. Vuol dire che se la può giocare.
  8. Perché Hugo Campagnaro e Grava sono già sottoposti a studio progettuale per un monumento.
  9. Perché se arrivi al girone di ritorno giocando con Aronica titolare vuol dire che stai facendo un grande campionato.
  10. Perché se il Napoli inizia a vincere e ritornare una squadra di vertice, possiamo evitare di trovare Diego Armando Maradona tra i papabili allenatori degli azzurri. Diego è meglio rimanga disegnato nella memoria e sui muri e sulle magliette e nei film di Kusturica. Ma a Napoli non servono più miracoli, né eroi tarchiati. Ora come allenatore serve Mazzarri. Un impiegato ruggente. Stia solo attento a non prendere troppo freddo, con quella camicia bianca. E ora che arriva la primavera, si ricordi che da sotto la puzza sale, e con il caldo la munnezza si farà sentire. Meglio stare lassù, Napoli. Che poi il presidente compra pure lo svizzero.