Napoli, vandalizzate locandine con volti di israeliani rapiti

Redazione
03/11/2023

Visi cancellati, coperti da pennarelli neri o strappati poco dopo l'affissione dei manifesti. Questi recano volto ed età delle persone finite nelle mani di Hamas insieme all'appello: «Aiutaci per favore a portarli a casa vivi».

Napoli, vandalizzate locandine con volti di israeliani rapiti

Una serie di locandine con i volti degli israeliani rapiti il 7 ottobre 2023 da Hamas sono comparse in vari punti di Napoli e quasi immediatamente vandalizzate con i volti cancellati, coperti da pennarelli neri o strappati. Le locandine con la scritta in grande “Rapito” sono state attaccate a pali della luce e a cabine telefoniche anche in pieno centro. Nella maggior parte dei manifesti appaiono foto di anziani e di bambini.

Sui manifesti volto ed età dei rapiti, poi una scritta: «Aiutaci a portarli a casa vivi»

Sui manifesti si legge: «Il 7 ottobre quasi 200 civili israeliani innocenti sono stati rapiti e portati nella Striscia di Gaza. La loro posizione rimane sconosciuta. Più di 3 mila donne, uomini e bambini, di età compresa tra i tre mesi e gli 85 anni, sono stati feriti, uccisi, picchiati, violentati e separati brutalmente dai loro cari da Hamas». Sotto la scritta e il volto del rapito, il suo nome e l’età. E ancora, nei fogli attaccati in giro per la città si trova anche l’invito a scattare una foto al manifesto e a condividerla. A fianco un Qr-code che illustra nei dettagli le ragioni dell’iniziativa. «Aiutarci per favore a portarli a casa vivi», la conclusione del messaggio e la sigla KidnappedFromIsrael.