Napolitano: «Non ignorate le proteste»

Redazione
20/12/2010

La riforma dell’università torna al Senato. Il 20 dicembre, il disegno di legge fortemente sostenuto dal ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini...

Napolitano: «Non ignorate le proteste»

La riforma dell’università torna al Senato. Il 20 dicembre, il disegno di legge fortemente sostenuto dal ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini sarà esaminato in aula a Palazzo Madama, dopo gli scontri tra manifestanti e forze dell’ordine durante le proteste degli studenti delle scorse settimane.
Il ddl era stato già approvato al Senato a luglio 2010 e alla Camera a fine novembre, ma è stato inviato nuovamente a Palazzo Madama per sottoporre al voto le modifiche introdotte alla Camera. Il ministro Gelmini si è detta «fiduciosa» che il ddl diventerà legge entro la fine dell’anno. Il voto finale è previsto per mercoledì 22 dicembre.
Intanto, gli studenti hanno annunciato che continueranno a manifestare «per chiedere fino alla fine che il Parlamento non approvi la legge Gelmini», come si legge in una nota diffusa dall’Udu, l’Unione degli Universitari. Sono previste assemblee e riunioni dei collettivi in tutti gli atenei.
Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, durante i tradizionali auguri al corpo diplomatico, ha dichiarato che «la protesta pacifica, benché spesso sviata da inammissibili violenze, di tanti cittadini nelle strade delle nostre capitali, è una spia di malessere che le democrazie non possono ignorare».