Dimmi che tipo è e ti dirò quale libro regalargli: cinque consigli per Natale

La zia che ama le tradizioni, lo zio lupo di mare, l'amica modaiola e l'amico alternativo fino al cugino cinefilo. Ecco i titoli da mettere sotto l'albero. Senza sbagliare.

Dimmi che tipo è e ti dirò quale libro regalargli: cinque consigli per Natale

Regalare un libro a Natale è simbolo di affetto, oltre che di stile. Per molti è una tradizione, apprezzata e rassicurante, in cui mettere del proprio, a volte per voler comunicare qualcosa. Ma nel mare magnum delle uscite e dei bestseller, quale titolo scegliere? E soprattutto come azzeccare il libro giusto per la persona giusta? Ecco cinque consigli per non farvi trovare impreparati.

1. Alla zia che ama le tradizioni: Demon Copperhead di Barbara Kingsolver (Neri Pozza)

Per sconvolgere la zia legata alle tradizioni il libro giusto è Demon Copperhead, fresco vincitore del Premio Pulitzer, della scrittrice americana Barbara Kingsolver. Citando apertamente la favola dickensiana di David Copperfield, il romanzo, ambientato negli Appalachi, la regione montuosa compresa tra Mississippi, Alabama e Georgia, narra le vicissitudini di un orfano, di padre sconosciuto e madre tossica, che si perde tra fentalyn  e ossicodone. Seicento pagine che si leggono in un amen, all’interno delle quali, tra case famiglia disgraziate, fattorie abbandonate, overdose e il sogno del football come unica soluzione di riscatto, il nostro eroe si districherà nella tragedia riuscendo a conservare uno sguardo sorprendentemente lucido e ironico. La storia di una generazione perduta  raccontata attraverso le gesta di un combattente, di un sopravvissuto, che avrebbe potuto dare del tu sia ad Huck Finn che al giovane Holden Caulfield. Un romanzo politico.

Dimmi che tipo è e ti dirò quale libro regalargli: cinque consigli per Natale
Demon Copperhead di Barbara Kingsolver (Neri Pozza).

2. All’amica modaiola: L’ospite di Emma Cline (Einaudi)

Per far colpo sull’amica modaiola, ossessionata dal lusso, il titolo da non perdere è L’ospite di Emma Cline. Protagonista della stria è Alex, una lavoratrice del sesso senza soldi, senza amici, con un forte interesse per la droga e una tendenza alla cleptomania. Libro ansiogeno, denso di terrore, il lavoro di Cline (già salita agli onori delle cronache letterarie con il precedente Le ragazze) è un romanzo di precarietà ed eccesso, che si muove caoticamente da una spiaggia all’altra e da una piscina all’altra nel corso di una settimana di fine estate a Long Island. Paragonata per stile ed efficacia ai migliori lavori di Bret Easton Ellis L’ospite affronta il tema della ricchezza con sarcasmo avvicinandosi al ritratto satirico che è stato l’elemento dominante in serie tv di recente successo come Glass Onion e The White Lotus. Il classico romanzo sesso, droga e rock and roll.

Dimmi che tipo è e ti dirò quale libro regalargli: cinque consigli per Natale
L’ospite di Emma Cline (Einaudi).

3. All’amico alternativo: Non siamo qui per intrattenervi di Mark Fisher (Minimum Fax)

Per compiacere il vostro amico alternativo, quello che agli aperitivi ama ripetere «non leggo romanzi ma solo saggi», il libro perfetto è Non siamo qui per intrattenervi di Mark Fisher, antologia di scritti tratti dal blog K-Punk del celebre intellettuale inglese, paladino della controcultura, morto suicida nel 2017. Fisher, noto per il saggio cult  Realismo Capitalista, traccia qui un percorso ideologico appoggiandosi alle teorie filosofico-esistenziali di cinque autori per lui fondamentali: Kafka, Atwood, Spinoza, Ballard e Marcus. Ancora una volta la lettura di Fisher conferma quanto sia ancora necessario il suo pensiero per comprendere il contemporaneo e per provare a immaginare il tempo che ci attende. Per visionari ossessivi.

Dimmi che tipo è e ti dirò quale libro regalargli: cinque consigli per Natale
Non siamo qui per intrattenervi di Mark Fisher (Minimum Fax).

4. Al cugino cinefilo: Pura anarchia di Woody Allen (La nave di Teseo)

Imperdibile per il cugino cinefilo, che è già corso al cinema a vedere l’ultimo film parigino Coup de chance di Woody Allen, questo esile breviario scritto dal regista newyorkese intitolato Pura anarchia appena ripubblicato da La nave di Teseo. Uscito la prima volta nel 2007, raccoglie una serie di racconti, 18 per l’esattezza, in gran parte usciti sul New Yorker, tutti intrisi di umorismo maniacale e oscuro. C’è chi vende le proprie preghiere su Ebay, un Mahler che va a braccetto con Topolino e Pippo strafatti di antidolorifici, un attore di Hollywood scambiato per una star di successo e rapito da un temibile bandito, un musicista spiantato con tendenze omicide che paga le sedute dall’analista con le proprie canzoni. Per nevrotici cronici.

Dimmi che tipo è e ti dirò quale libro regalargli: cinque consigli per Natale
Pura anarchia di Wody Allen (La nave di Teseo).

5. Allo zio velista: Il capitano Jens Munk di Thorkild Hansen (Iperborea)

Per lo zio velista, lupo di mare, invece, non c’è titolo migliore de Il capitano Jens Munk di Thorkild Hansen, straordinario libro di avventura marittima pubblicato dai tipi di Iperborea dedicato a uno dei più grandi navigatori della storia. Jens Munk, contemporaneo di Shakespeare e Cervantes, nella sua straordinaria esistenza ha catturato pirati, guidato spedizioni, vinto battaglie, dedicando incondizionatamente la propria vita al mare. Un libro che regala emozioni scritto da uno dei più rinomati archeologici e viaggiatori danesi, Thorkild Hansen, celebre in patria e nel mondo per riuscire a unire nei suoi romanzi il brivido dell’avventura a una profonda meditazione sulla condizione umana. Per indagatori dell’incubo.

Dimmi che tipo è e ti dirò quale libro regalargli: cinque consigli per Natale
Il capitano Jens Munk di Thorkild Hansen (Iperborea).