Neomamma dopo l’assalto

Redazione
27/09/2010

La foto del bambino dato alla luce il 26 settembre 2010 da Neta Shocker, la colona 35enne di un insediamento...

La foto del bambino dato alla luce il 26 settembre 2010 da Neta Shocker, la colona 35enne di un insediamento ebraico della Cisgiordania meridionale coinvolta poco prima in un attentato palestinese, campeggia sulle prime pagine dei maggiori quotidiani israeliani. La donna in serata  stava percorrendo in auto un tratto di strada insieme al marito, quando alcuni ignoti a bordo di un veicolo in corsa hanno aperto il fuoco contro la coppia. Rimasta ferita, Neta è stata trasportata d’urgenza in ospedale, dove i medici hanno deciso di dare immediatamente inizio al parto.
L’attentato contro i coniugi Shocker si è verificato in concomitanza con la decisione di Benyamin Netanyahu, premier israeliano, di mettere fine alla moratoria di dieci mesi nelle colonie israeliane della Cisgiordania: è il terzo attacco contro civili nella regione dall’apertura dei negoziati di pace tra israeliani e palestinesi, di inizio settembre. Nei precedenti attentati, rivendicati dal braccio armato di Hamas, sono stati uccisi quattro israeliani.