Sparatoria a Napoli, la piccola Noemi è fuori pericolo

La bimba ferita in un agguato lo scorso 3 maggio in piazza Nazionale non è più in pericolo di vita. La conferma nell'ultimo bollettino dell'ospedale pediatrico Santobono.

20 Maggio 2019 12.27
Like me!

La piccola Noemi, ferita in un agguato lo scorso 3 maggio in piazza Nazionale a Napoli, non è più in pericolo di vita. Lo ha annunciato il bollettino diffuso dall'ospedale pediatrico Santobono di Napoli. Noemi «è sveglia, cosciente e si alimenta autonomamente. La bambina respira spontaneamente senza necessità di supporto di ossigeno. I parametri vitali sono stabili e il quadro clinico è in miglioramento. La prognosi quoad vitam è sciolta. Il prossimo bollettino sarà diramato tra sette giorni». «Voglio ringraziare tutto il popolo italiano e anche tutti quelli che dall'estero ci fanno sentire la loro vicinanza», ha detto la nonna Immacolata. «È bellissimo e ci danno forza, è stato un miracolo».

DE MAGISTRIS: «LA CITTÀ ESULTA PER LEI»

«Noemi è fuori pericolo! Napoli esulta e i napoletani gioiscono! Un abbraccio di cuore alla mamma e al papà di Noemi! Un grazie forte al personale tutto, medici in testa, dell'ospedale Santobono! Il bene ha vinto sul male, un forte segnale per la nostra amata città!», è stato il commento su Twitter del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. Il 19 maggio il primo cittadino aveva fatto visita alla piccola esprimento la vicinanza della città. «Questa mattina presto», aveva scritto su Facebook, «mi sono recato al Santobono dove ho potuto constatare direttamente il miglioramento costante delle condizioni di salute della piccola Noemi. Ho abbracciato la mamma e il papà chiaramente più sollevati. Un grazie ancora al personale tutto dell'ospedale. Un grandissimo lavoro. Ci vuole ancora pazienza, ma la strada della guarigione è quella giusta. Noemi, Napoli ti aspetta con il suo cuore grande».

UNA RACCOLTA FONDI PER LA RIABILITAZIONE

Poco dopo l'agguato i soci della Onlus "Donne per il sociale", una associazione che si occupa di violenza sulle donne e sui bambini, avevano lanciato una raccolta fondi da destinare alla piccola. «Stiamo organizzando un evento per fine di maggio», aveva raccontato la presidente Patrizia Gargiulo, «per raccogliere le offerte dei nostri soci e di chiunque altro voglia contribuire a costituire una somma da mettere a disposizione dei genitori della piccola Noemi, per la riabilitazione e per regalare loro qualche giorno di vacanza di cui sicuramente hanno bisogno. Noemi è figlia di tutti noi e quindi abbiamo il dovere di proteggerla e di contribuire alla sua ripresa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *