Nuova Auris, via il velo

Redazione
21/08/2012

Più bassa, lunga e comfortevole. La giapponese di segmento C debutta in Europa, puntando tutto sull'ibrido. E c'è anche il tetto panoramico.

Toyota Auris. Due motorizzazioni a benzina, un diesel e la versione ibrida.

Toyota ha svelato in anteprima le prime foto ufficiali della nuova Auris, rispetto all’appuntamento fissato per settembre 2012 al Salone Internazionale dell’Auto di Parigi.
La nuova due volumi, fabbricata in Inghilterra, a Burnaston nello stesso stabilimento della Avensis, è destinata ad essere presentata sia in versione tradizionale, che ibrida.

LE MOTORIZZAZIONI. La Casa giapponese conta di far assorbire al modello Hybrid ben un terzo delle vendite in Europa. E anche le motorizzazioni classiche – la gamma benzina si articola sul 1.3 e sul 1.6 aspirati, l’unico diesel disponibile è il 1.4 D-4D – sono state progettate per contenere i valori di consumi ed emissioni e per essere più performanti in chiave «eco» rispetto al modello esistente.

PIÙ BASSA E LEGGERA. Il baricentro e la posizione di guida della nuova Auris sono stati abbassati. Caratteristiche che, unite allo sterzo e alle sospensioni rinnovati, sono state studiate per garantire un’esperienza di guida più piacevole. La nuova Auris può contare su una struttura più rigida del 10%: ed è anche più leggera: su alcune versioni, il risparmio di peso arriva fino a 40 kg.
Modificate significativamente anche le proporzioni esterne: la lunghezza è aumentata di 3 cm, raggiungendo i 427 cm, mentre l’altezza è scesa di 5,5 cm, arrivando a quota 146 cm.
Invariate larghezza e passo, a 176 e 260 cm rispettivamente. Grazie al nuovo design del frontale e a una serie di altri accorgimenti aerodinamici inoltre, il Cx è sceso da 0,29 a 0,28.

TETTO PANORAMICO. A livello estetico e di design, una delle novità più interessanti è il tetto panoramico Skyview, uno dei più grandi nel segmento C. La maggiore cura dei materiali impiegati negli interni ha migliorato il comfort di bordo complessivo, che beneficia anche di un maggiore spazio a disposizione degli occupanti: 20 mm in più per le gambe di chi siede dietro e un bagagliaio da 360 litri, con un piano di carico più lungo di 90 mm.
Stessa capacità di carico anche per la Hybrid, grazie al riposizionamento delle batterie. Un incremento sostanziale rispetto ai 233 litri dell’attuale. Il prezzo, non ancora comunicato, dovrebbe aggirarsi intorno ai 18mila euro.
Nella galleria di GiornaleMotori.it, tutte le immagini della nuova giapponese.