I ministri delle Finanze europei trovano l’accordo sul nuovo Patto di Stabilità: ok anche dall’Italia

Redazione
20/12/2023

Il titolare dell'Economia Giancarlo Giorgetti ha parlato di «spirito di compromesso». Per la presidenza spagnola di turno al Consiglio europeo è un «traguardo storico» che stabilisce «regole equilibrate, realistiche e pronte per le sfide presenti e future».

I ministri delle Finanze europei trovano l’accordo sul nuovo Patto di Stabilità: ok anche dall’Italia

I ministri delle Finanze europei riuniti nell’Ecofin hanno dato il via libera alla revisione del Patto di Stabilità con l’ok anche dell’Italia. Secondo quanto riportato da Ansa, il ministro Giancarlo Giorgetti si è detto favorevole alla proposta Ue parlando di «spirito di compromesso». La presidenza spagnola di turno al Consiglio europeo lo ha definito un «traguardo storico» che stabilisce «regole equilibrate, realistiche e pronte per le sfide presenti e future».

L’accelerazione di Parigi e Berlino e l’allineamento di Roma

Da Parigi e Berlino era arrivata una accelerazione della revisione del patto. Mercoledì mattina, fonti francesi avevano fatto intendere che anche Roma sarebbe stata d’accordo, sottolineando l’«allineamento» con il ministero dell’Economia italiano sull’estensione da quattro a sette anni dei piani di aggiustamento del debito, tenendo conto degli investimenti del Pnrr. «Le nuove regole fiscali per gli Stati membri dell’Ue sono più realistiche ed efficaci allo stesso tempo. Combinano cifre chiare per deficit inferiori e rapporti debito/Pil in calo con incentivi per investimenti e riforme strutturali. La politica di stabilità è stata rafforzata», ha commentato su X il ministro delle Finanze tedesco Christian Lindner dopo l’accordo. «Le nuove regole di bilancio per i Paesi membri dell’Ue sono più realistiche ed efficaci allo stesso tempo. Combinano cifre chiare per deficit inferiori e rapporti debito/Pil in calo con incentivi per investimenti e riforme strutturali. La politica di stabilità è stata rafforzata».

Soddisfazione da parte del ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire. «Dopo due anni di negoziati abbiamo raggiunto accordo storico», ha dichiarato. «Un accordo a 27 sulle nuove regole del Patto di stabilità e crescita. È un eccellente notizia per la Francia e un’eccellente notizia per l’Europa. Semplicemente perché queste nuove regole garantiranno la stabilità finanziaria e la buona tenuta dei conti in tutta l’Europa per i prossimi anni».