Ogni quattro ore un giovane si ammala

Redazione
13/10/2010

Ogni quattro ore una persona riceve una diagnosi di sclerosi multipla. Nel 2010 nel nostro Paese si contano 60 mila...

Ogni quattro ore un giovane si ammala

Ogni quattro ore una persona riceve una diagnosi di sclerosi multipla. Nel 2010 nel nostro Paese si contano 60 mila malati. E sono molti i giovani: rappresentano il 50% di tutti i pazienti. Quando la malattia viene loro diagnosticata, la maggior parte dei giovani ha tra i 20 e i 30 anni: li colpisce nel pieno della vita, segnando uno stop ai loro progetti per il futuro.
Diventa così necessario avere più informazioni possibili per poter decidere come impostare la propria vita. A ricordare le difficoltà della malattia è l’Associazione italiana sclerosi multipla (Aism) che nel fine settimana del 9 e 10 ottobre ai giovani ha dedicato Una mela per la vita, l’iniziativa che ha raccolto in oltre tre mila piazze italiane 2 milioni e 400 mila euro. È ancora possibile donare 1 euro alla ricerca sulla sclerosi multipla tramite Sms solidale al 45593 da cellulari Tim, Vodafone, Wind, 3 e Coopvoce, oppure chiamare lo stesso numero da telefono fisso Telecom Italia e contribuire con 2 euro.
I fondi con sms solidale andranno a sostenere nello specifico un progetto di approfondimento metodologico per l’utilizzo degli strumenti di diagnosi dell’insufficienza cerebro spinale venosa cronica.
Il programma Giovani oltre la sclerosi multipla, è scritto in una nota, nasce con l’obiettivo di accogliere le esigenze dei malati sin dal momento della diagnosi. «Chi riceve una diagnosi di sclerosi multipla non deve temere la malattia. Oggi si può combattere anche con la consapevolezza di poter contare su ogni fonte di informazione che risponde ad ogni domanda e ad ogni richiesta di aiuto», ha spiegato il presidente dell’Aism, Agostino D’Ercole.