Olimpiadi 2026: ok ai lavori per la pista di bob a Cortina

Redazione
02/02/2024

L'impianto si farà. Ma l'esultanza di Salvini e Abodi è smorzata dal pessimismo di Giorgetti, che si dice preoccupato per i tempi stretti prima dell'inizio dei Giochi: «Incomincio a essere pentito, il conto dei giorni che rimangono continua a ridursi». Poi la precisazione: «Era una battuta».

Olimpiadi 2026: ok ai lavori per la pista di bob a Cortina

Si è sbloccata la vicenda della pista di bob per l‘Olimpiade Milano-Cortina del 2026. È arrivato infatti l’ok ufficiale all’assegnazione dei lavori per l’impianto a Cortina. La struttura sarà realizzata nel comune veneto. Simico ha firmato l’accordo con l’impresa Pizzarotti chiamata a effettuare i lavori. La scelta – si legge in una nota – mette un punto fermo e attesta l’estrema determinazione di questo governo di concludere al meglio e in Italia tutte le opere in vista dei Giochi. Lo hanno confermato «con grande soddisfazione» il vicepresidente del Consiglio e ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Matteo Salvini, e il ministro per lo Sport Andrea Abodi. I lavori dell’impianto sportivo erano a rischio dopo il no del Comitato olimpico internazionale alla costruzione di una nuova pista nella località montana. Tanto che si era parlato di un possibile spostamento all’estero. Ora però arriva il sì ufficiale e insieme le preoccupazioni del ministro Giancarlo Giorgetti sulla vicinanza temporale dell’evento.

La preoccupazione di Giorgetti sui tempi: «Quasi pentito sulle Olimpiadi»

Giorgetti si è dimostrato pentito di aver lavorato per ottenere le Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026. Lo ha detto nel corso di un’assemblea alla Camera di Commercio di Sondrio. «Le Olimpiadi non arrivano ogni due anni, arrivano nel 2026 e poi non arriveranno più. E incomincio a essere pentito di averlo fatto (promuovere l’evento, ndr), perché ne sento la responsabilità e sono passati dal 2018 al 2024 diversi anni». Da qui la proposta di «mettere un bel tabellone elettronico all’ingresso in Valtellina che indica quanti giorni mancano per renderci conto del senso di urgenza necessario».

Olimpiadi Milano-Cortina 2026: ok ai lavori per pista di bob a Cortina
Il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti (Imagoeconomica).

«Non voglio dare colpe a nessuno», ha dichiarato Giorgetti, «ma guardo quello che abbiamo fatto e quello non abbiamo fatto, mancano due anni alle Olimpiadi, il conto dei giorni che rimangono continua a ridursi, il tempo si accorcia terribilmente e diventa quasi impossibile da rispettare il calendario». Quindi ha proseguito: «E allora se ho le condizioni, c’è una banca, l’evento e le istituzioni, vediamo come fare per non perdere quest’occasione storica e suonare l’ultima sveglia per non perdere questa grande opportunità». Poi la precisazione: «La mia era una battuta, voleva essere uno stimolo».