Secondo l'Ocse l'Italia ha un problema di omofobia

Secondo l’Ocse l’Italia ha un problema di omofobia

29 Marzo 2019 15.54
Like me!

Secondo l'Ocse l'Italia, all'interno dei Paesi membri dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, ha un problema di omofobia e transfobia che si traduce in fenomeni di discriminazione per le minoranze sessuali. Nel rapporto Society at a Glance 2019 – A spotlight on Lgbt people realizzato dall'organismo internazionale con sede a Parigi, i ricercatori notano che «gli atteggiamenti rispetto alle persone lgbt stanno migliorando in tutto il mondo e sono più positivi nei Paesi dell'Ocse che altrove. Tuttavia, rimangono margini sostanziali di progresso. I risultati dell'Italia rispetto all'accettazione dell'omosessualità sono peggiori della media Ocse. Su una scala di accettazione da 1 a 10 lo score dei cittadini italiani è di circa 3 punti, due in meno rispetto alla media Ocse».

LEGGI ANCHE: La prima giornata del Congresso delle famiglie di Verona

SCARSA L'ACCETTAZIONE DELLE PERSONE TRANSGENDER

Inoltre, prosegue l'Ocse, «solo una minoranza di intervistati italiani (il 37%) si sentirebbe a proprio agio con persone transgender o transessuali nei più importanti incarichi politici elettivi», ma anche «come collega di lavoro, come figlia o genero». «La scarsa accettazione delle persone Lgbt le espone al rischio di discriminazione», avverte l'Ocse nella scheda del rapporto dedicata all'Italia. Anche nel mondo del lavoro: dati "sperimentali" richiamati dall'organizzazione internazionale rivelano che «a parità di curriculum vitae, i candidati omosessuali italiani hanno circa il 30% in meno di probabilità di essere invitati a un colloquio di lavoro rispetto ai candidati italiani eterosessuali».

LEGGI ANCHE: Chi è Komov, l'uomo chiave del Congresso delle famiglie di Verona

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *