Open Arms, l’Ue pronta a coordinare la ridistribuzione dei migranti

La portavoce della Commissione Ue ricorda la disponibilità offerta da Francia, Germania, Lussemburgo, Portogallo, e Romania nei confronti dei profughi ora sbarcati a Lampedusa.

21 Agosto 2019 13.05
Like me!

Pronti alla ridistribuzione dei naufraghi nei Paesi Ue che si sono detti disponibili ad accoglierli. La portavoce della Commissione europea Natasha Bertaud ha spiegato che l’esecutivo comunitario è pronto ad «iniziare il coordinamento per il ricollocamento dei migranti a bordo della Open Arms» fatti sbarcare in Italia. Francia, Germania, Lussemburgo, Portogallo, e Romania avevano infatti dato la loro disponibilità. «Speriamo che questo spirito di solidarietà sia dimostrato anche per i migranti a bordo dell‘Ocean Viking», ha aggiunto Bertaud.

GLI 83 PROFUGHI OSPITATI NEL’HOTSPOT

Il 20 agosto i migranti che da 19 giorni erano a bordo della imbarcazione della Ong spagnola sono sbarcati a Lampedusa dopo che la procura di Agrigento ha disposto il sequestro e l’evacuazione immediata della nave, oltre che aprire un fascicolo contro ignoti per abuso di ufficio e omissione di soccorso. Gli 83 profughi hanno trascorso una notte tranquilla e piena di gioia ed eccitazione per avere finalmente toccato la terraferma nel molo commerciale di Lampedusa.

BUONE CONDIZIONI SANITARIE

I naufraghi sono stati visitati da due medici del poliambulatorio più altri due inviati dell’Asp di Palermo a supporto, un dermatologo e un ginecologo. Per nessuno degli 83 è stato necessario fare accertamenti perché le loro condizioni sanitarie sono state giudicate buone. Tutti sono stati trasferiti nell’hotspot dell’isola siciliana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *