Operaio si uccide in strada dopo sparatoria

Redazione
02/02/2011

Si è ucciso subito dopo avere sparato alla coppia, sotto choc ma non in pericolo di vita, con un colpo...

Operaio si uccide in strada dopo sparatoria

Si è ucciso subito dopo avere sparato alla coppia, sotto choc ma non in pericolo di vita, con un colpo di pistola alla bocca, nella piazza di Cattolica Eraclea, in provincia di Agrigento. La mattina del 2 febbraio, secondo il quadro ricostruito dagli investigatori, Antonio Giordano, 52enne operaio dell’ente acquedotto, ha atteso che l’ex convivente di 27 anni uscisse di casa con il nuovo compagno, diretti verso il bar del paese.
Davanti al locale, dopo una breve discussione con il rivale d’amore, un marocchino di 25 anni, l’uomo, mai rassegnatosi alla separazione dalla donna, ha estratto una pistola calibro 9, legalmente detenuta, iniziando a sparare.
Durante una seconda sparatoria nella casa dei due ragazzi, dove  Giordano li aveva inseguiti,  due colpi hanno centrato e ferito a un braccio il giovane marocchino, quindi l’uomo ha puntato l’arma contro la donna. All’arrivo dei carabinieri, Giordano si è sparato, in strada, davanti ai quattro militari dell’arma.