Ipotesi di orari differenziati per la riapertura dopo il 3 maggio

Redazione
15/04/2020

Ingresso e uscita diversificati per uffici pubblici, aziende e imprese. Su questa strada starebbe lavorando la task force guidata da Colao. Sul tavolo anche la riorganizzazione del trasporto pubblico.

Ipotesi di orari differenziati per la riapertura dopo il 3 maggio

Orari differenziati d’ingresso e d’uscita per uffici pubblici, industrie e aziende. Sarebbe questa una dell’ipotesi su cui starebbe lavorando il governo in vista del 3 maggio. L’ipotesi sarebbe strettamente collegata ad un altro dei nodi centrali sui quali starebbe lavorando anche la task force guidata da Vittorio Colao: la riorganizzazione dei trasporti pubblici. Prevedere ingressi e uscite ‘scaglionate’ consentirebbe infatti di alleggerire la pressione sui trasporti, che saranno comunque soggetti a regole.

GLI UFFICI PUBBLICI I PRIMI AD ATTUARE LE MODIFICHE

La differenziazione per orari – ma anche regole più precise sulla sanificazione degli ambienti – dovrebbe diventare operativa per gli uffici pubblici alla ripartenza, mentre per imprese e industrie dovrà probabilmente esserci un aggiornamento del protocollo firmato dal governo con sindacati e industrie. Su questo però, secondo quanto si è appreso, si starebbe già lavorando e sarebbe già stato chiesto ad alcune grandi imprese se sarebbero in grado di garantire una nuova organizzazione del lavoro e della produzione con la differenziazione degli orari.