Israele ordina l’evacuazione di 1 milione di abitanti di Gaza verso sud

Redazione
13/10/2023

L'Onu chiede di annullare la decisione per il rischio di catastrofe umanitaria. Attacco missilistico sull'aeroporto di Tel Aviv Ben Gurion. Allerta in tutto il mondo per il "venerdì della rabbia". Il bilancio delle vittime nella Striscia sale a 1537 morti e 6612 feriti. Oltre 420 mila gli sfollati. Tutti gli aggiornamenti.

Israele ordina l’evacuazione di 1 milione di abitanti di Gaza verso sud

L’Esercito israeliano ha dato ordine di «ricollocare» circa 1,1 milioni di residenti della Striscia di Gaza verso sud entro 24 ore. I funzionari delle Nazioni Unite a Gaza hanno chiesto di annullare un’evacuazione di tale portata perché può portare «conseguenze umanitarie devastanti». L’Onu ha lanciato anche un appello di emergenza per donazioni del valore di 294 milioni di dollari per soddisfare i «bisogni urgenti» dei residenti più vulnerabili della Cisgiordania e della Striscia di Gaza, dove più di 400 mila palestinesi hanno abbandonato le loro case negli ultimi giorni e circa 50 mila donne incinte che non hanno più accesso alle cure. Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli Affari umanitari (Ocha), più di 423 mila persone sono state costrette a fuggire dalle proprie case nella Striscia di Gaza sotto assedio e bombardata dall’esercito israeliano. Il numero di sfollati in questo territorio popolato da 2,3 milioni di abitanti è salito da 84.444 persone a 423.378, secondo una dichiarazione dell’ufficio delle Nazioni Unite.

Bombardamenti su Gaza (GettyImages)

LEGGI ANCHE: Hamas: l’attacco a Israele era in preparazione da due anni

Borrell: «Irrealistico spostare 1 milione di persone in 24 ore»

L’Alto rappresentante Ue per la politica estera, Josep Borrell, ha commentato l’ordine di Israele sulla ricollocazione degli abitanti di Gaza: «Riguardo a questo avvertimento dell’esercito israeliano nei confronti dei civili che lasciano il nord di Gaza, certamente i civili devono essere avvertiti in anticipo. Devono essere avvisati delle imminenti operazioni militari per consentire loro di andarsene, che è ciò che ha fatto Israele. Ma tali avvertimenti, e i movimenti attesi che dovrebbero produrre, di gran parte della popolazione, stiamo parlando di 1 milione di persone, devono essere realistici. E certamente è del tutto irrealistico che 1 milione di persone possano spostarsi in 24 ore».