Colloquio Von der Leyen – Gentiloni: Roma punta gli Affari economici

Un'ora di faccia a faccia tra il candidato alla Commissione per l'Italia e la futura presidente dell'esecutivo Ue. Per il FT aperta anche l'ipotesi Concorrenza.

06 Settembre 2019 12.10
Like me!

Un incontro a quattr’occhi di un’oretta circa, che si è svolto in un clima di grande amicizia. Così fonti di Bruxelles hanno raccontato il faccia a faccia del 6 settembre tra il candidato italiano alla Commissione Ue Paolo Gentiloni e la presidente eletta Ursula von der Leyen. Nell’accogliere l’ex premier, von der Leyen gli ha fatto fare un giro degli uffici del team di transizione.

AMBIZIONE ITALIANA RESTA IL PORTAFOGLIO DI MOSCOVICI

Il colloquio servirà ad orientare le decisioni di von der Leyen nell’attribuzione dei portafogli, con l’ambizione italiana che resta quella degli Affari economici, attualmente in mano al francese Pierre Moscovici. Gentiloni, sia all’arrivo che alla partenza, ha schivato i media. Il colloquio, secondo quanto spiegano fonti, si è tenuto strettamente in bilaterale. L’ex presidente del consiglio italiano non ha altri appuntamenti a Bruxelles e dovrebbe rientrare quindi a Roma.

PER IL FT GENTILONI VERSO LA CONCORRENZA

Per il Financial Times il destino di Gentiloni potrebbe però essere diverso. In base alle indicazioni raccolte da due funzionari europei il quotidiano britannico ha scritto che l’ex premier italiano sarebbe destinato a prendere il portafoglio della concorrenza. In un articolo pubblicato in giornata e dedicato al ‘ritorno’ dell’Italia a Bruxelles con il nuovo governo, il quotidiano ha parlato della “ricompensa” che Roma dovrebbe incassare per aver rimosso, almeno per ora, il problema del sovranista Salvini. Per il momento l’indicazione rilanciata dal FT sul possibile portafoglio destinato a Gentiloni non ha trovato conferme nè ufficiali nè ufficiose. Sul tavolo resta anche l’ipotesi del Commercio internazionale.

IL DUBBIO DEI PAESI DEL NORD EUROPA

Secondo quanto scrive l’HuffPost la nomina di Gentiloni agli Affari economici non incontrerebbe il favore del fronte rigorista del Nord Europa. Nonostante questo l’idea di von der Leyen sarebbe quella di spingere per l’economia, magari concedendo in cambio la permanenza di Valdis Dombrovskis a primo vicepresidente con delega all’Euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *