Tra il 2011 e il 2019 i pensionati hanno perso quasi mille euro l'anno

Tra il 2011 e il 2019 i pensionati hanno perso quasi mille euro l’anno

Uno studio della Uil ha quantificato l'effetto cumulato nel tempo della mancata rivalutazione degli assegni. Sindacati pronti a scendere in piazza a Roma sabato primo giugno: «Altro che l'avaro di Molière».

24 Maggio 2019 18.09

Like me!

Una perdita che sfiora i mille euro lordi l'anno. L'effetto della mancata rivalutazione delle pensioni pesa sui cedolini e non per pochi spiccioli. A fare i calcoli è stata la Uil, con uno studio sulle conseguenze delle misure che dal 2011 al 2019 hanno colpito i pensionati. Generando risparmi per le casse dello Stato «pari a 3,6 miliardi di euro per i prossimi tre anni, che diventeranno 17,3 miliardi nel prossimo decennio». Ecco perché la Uil, assieme a Cisl e Cgil, è pronta a tornare in piazza con i pensionati sabato primo giugno a Roma.

LEGGI ANCHE: Quanto vale il blocco dell'indicizzazione delle pensioni

L'ultima legge di bilancio ha introdotto un nuovo taglio della perequazione rispetto all'inflazione per le pensioni superiori a tre volte il minimo (1.522 euro lordi al mese), per il triennio 2019-2021, riconoscendo una rivalutazione piena solo per gli assegni fino a tre volte il minimo, a scalare per quelli superiori (da un aumento pari al 97% dell'inflazione per gli assegni tra 3 e 4 volte il minimo, al 40% per quelli oltre le 9 volte). Ma prima c'erano stati tutti gli altri blocchi, dal 2011 in poi. Così un pensionato che ha un trattamento di poco superiore al primo step, pari ad esempio a 1.568 euro lordi mensili, secondo lo studio della Uil nel corso degli otto anni considerati accuserà una perdita totale di circa 960 euro lordi annui. Perdita che sale a 1.490 euro lordi annui per chi ha un assegno di circa 1.960 euro lordi mensili (tra 4 e 5 volte il minimo), ovvero per la maggior parte dei pensionati. La differenza sul cedolino aumenta con l'aumentare degli importi, fino ad arrivare ai 7.190 euro lordi annui per chi ha un assegno pari a 4.560 euro lordi mensili (oltre 9 volte il minimo).

A GIUGNO SCATTA IL CONGUAGLIO CON UN'UNICA TRATTENUTA

«Continua la persecuzione nei confronti dei pensionati italiani in atto dal 2011», ha commentato il segretario confederale della Uil, Domenico Proietti. Somme «ben lontane dai pochi spiccioli a cui fece riferimento il presidente Conte, quando paragonò i pensionati all'avaro di Molière». Il sindacalista ha evidenziato tra l'altro che, poiché il nuovo taglio della rivalutazione è previsto anche per il 2020 ed il 2021, «il danno per i pensionati è destinato a crescere». Di qui la richiesta sostenuta dai sindacati: «Si deve porre fine a questo prelievo forzoso a discapito di milioni di persone. Per la Uil è necessario ripristinare la piena indicizzazione delle pensioni e recuperare il montante perso in questi anni». A questo scopo «abbiamo avviato delle iniziative su tutto il territorio nazionale, che culmineranno nella grande manifestazione» di sabato primo giugno a Roma. La manifestazione è stata indetta in modo unitario dai sindacati dei pensionati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil con lo slogan "Dateci retta". Proprio a giugno scatterà il conguaglio. Il taglio della rivalutazione è stato infatti applicato a partire da aprile. L'Inps recupererà la differenza relativa ai tre mesi precedenti, da gennaio a marzo, con un'unica trattenuta. A giugno partirà anche il taglio sulle pensioni d'oro, anch'esso previsto dalla legge di bilancio, per i trattamenti pensionistici superiori ai 100 mila euro annui e valido per cinque anni. In questo caso il conguaglio sarà in tre tranche: giugno, luglio e agosto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *