Pink racconta l’overdose a 16 anni: «Avevo preso di tutto e sono quasi morta»

Alberto Muraro
24/10/2023

Il punto più basso la cantante l'ha raggiunto a un rave in occasione della Festa del Ringraziamento del 1995, dove ha assunto anche ecstasy e polvere d'angelo.

Pink racconta l’overdose a 16 anni: «Avevo preso di tutto e sono quasi morta»

Intervistata nella cornice del programma televisivo 60 Minutes, la celebre cantante Pink ha avuto l’occasione di raccontare uno dei momenti più bui della sua vita, quello in cui per poco non ha rischiato di morire a causa di un’overdose.

«Avevo preso di tutto e sono quasi morta»

La cantante di Just like a pill e Get the party started ha ricordato in modo particolare un episodio più grave degli altri, il giorno del Ringraziamento del 1995, in occasione del quale ha abusato di sostanze stupefacenti. Pink ha raccontato di aver provato in una sola notte tutte le droghe possibili in circolazione («Ecstasy, polvere d’angelo, cristalli… ogni genere di cose») tanto da finire in overdose. Il rischio concreto di morire la mise però sull’attenti: da quella notte, la cantante decise di smettere di assumere droghe pesanti per sempre, cambiando così radicalmente il suo stile di vita. Proprio poche settimane dopo il tragico evento, l’artista (il cui vero nome è Alecia Moore) firmò il suo primo vero contratto discografico con il suo gruppo, dando così il via a una carriera che sarebbe proseguita presto con il suo album di debutto solista, Can’t take me home.

«Continuo a pretendere di più da me stessa»

Pink, reduce dal suo fortunato tour estivo (il Summer Carnival 2023), ha poi spiegato di essere stata capace di canalizzare meglio le sue personali energie in attività più sane che le hanno regalato molte soddisfazioni: «Continuo a pretendere sempre di più da me stessa fisicamente, emotivamente, spiritualmente, vocalmente. Voglio alzare sempre l’asticella. Quando dicono che una donna deve rallentare, diventare più piccola, occupare meno spazio, calmarsi…io dico di no. Assolutamente no».