Pnrr, l’Italia incassa la terza rata e Meloni esulta: «Dimostrata la nostra serietà»

Redazione
09/10/2023

Sul proprio profilo X, la premier ha spiegato: «Sono risorse importanti che serviranno a intervenire in ambiti cruciali come la giustizia, la sanità, l'istruzione, il mercato del lavoro, la ricerca». Poi la stoccata ai detrattori: «Speriamo che chi credeva poco nelle capacità della nazione impari a farlo».

Pnrr, l’Italia incassa la terza rata e Meloni esulta: «Dimostrata la nostra serietà»

L’Italia ha incassato la terza rata del Pnrr, pari a 18,5 miliardi di euro. Ad annunciarlo, esprimendo la propria soddisfazione, è stata la premier Giorgia Meloni. La presidente del Consiglio ha pubblicato un video messaggio su X, scrivendo nel post: «All’esito di un lavoro lungo e importante, la nostra Nazione incassa oggi la terza rata del Pnrr: un passo importante per un’Italia che torna finalmente a credere nelle sue capacità».

Meloni: «Risorse per ambiti cruciali»

Nel video, la premier ha dichiarato: «All’esito di un lavoro lungo e importante, l’Italia incassa oggi dalle Commissione europea la terza rata del Pnrr per un importo di 18 miliardi e mezzo, che insieme a quelli precedentemente presi ci hanno fatto incassare finora circa il 44 per cento dell’intero ammontare delle risorse del Next Generation EU. E sono risorse importanti che serviranno a intervenire in ambiti cruciali come la giustizia, la sanità, l’istruzione, il mercato del lavoro, la ricerca».

Pnrr, l'Italia incassa la terza rata e Meloni esulta «Dimostrata la nostra serietà»
Giorgia Meloni (Getty Images).

La premier: «Italia può raggiungere i propri obiettivi»

Poi ha concluso: «Questa è la dimostrazione di un lavoro proficuo, che abbiamo portato avanti con la Commissione europea. E questo ci porta a discutere oggi per una valutazione positiva sulla quarta rata e sulla revisione complessiva del piano, compreso il capitolo del RePower EU». Meloni infine ha spiegato che «è la dimostrazione di come l’Italia e il governo attualmente in carica abbiano mostrato questa questione con estrema serietà. Auspichiamo per il futuro che anche quelli che ci credevano poco imparino a credere nella capacità che questa nazione ha, soprattutto se si lavora tutti nella stessa direzione, di raggiungere i propri obiettivi».

Meloni a colloquio con Najib Mikati

Al di là della terza rata, quella di oggi è stata una giornata importante anche per i rapporti con il Libano. Come riferito da una nota di Palazzo Chigi, la premier «Giorgia Meloni, ha avuto oggi una conversazione telefonica con il Primo Ministro della Repubblica libanese, Najib Mikati». E ancora: « Nel corso della conversazione, il Presidente Meloni ha riaffermato la volontà dell’Italia di continuare a contribuire alla sicurezza e alla stabilità del Libano in questo delicato frangente». Si è parlato del «conflitto in corso in Israele» e il colloquio «ha rappresentato anche l’occasione per discutere dell’emergenza migratoria e della questione dei rifugiati siriani in Libano».