Poche speranze per i minatori cinesi

Redazione
17/10/2010

Gli 11 minatori rimasti intrappolati in un pozzo di carbone nella Cina Centrale lo scorso 16 ottobre (leggi qui) a...

Poche speranze per i minatori cinesi

Gli 11 minatori rimasti intrappolati in un pozzo di carbone nella Cina Centrale lo scorso 16 ottobre (leggi qui) a seguito di un’esplosione di gas, hanno poche speranze di essere ritrovati vivi. Lo ha comunicato Du Bo, vice direttore delle operazioni di soccorso.
Nell’esplosione sono morti 26 dei loro compagni di lavoro.
Bo ha detto all’agenzia Nuova Cinache ci sono «poche speranze che i minatori intrappolati siano sopravvissuti e ci vorranno almeno tre o quattro giorni per ritrovarli».
È infatti possibile che i lavoratori intrappolati siano rimasti sepolti a 50-80 metri di profondità da oltre 25 tonnellate di polvere di carbone che hanno tappato il pozzo dopo l’esplosione e soffocato gli altri 26.
La miniera si trova a Yuzhou, nella provincia dell’Henan in Cina centrale. Dei 276 uomini che si trovavano sul fondo del pozzo, 239 sono riusciti a risalire alla superficie.
La situazione della sicurezza delle miniere in Cina è drammatica: solo nel 2009 secondo dati ufficiali, sono morti 2631 minatori.