Pogba, rinviata l’udienza al Tribunale nazionale antidoping: era prevista per il 18 gennaio 2024

Redazione
20/12/2023

Non è stata ancora stabilita la nuova data. Accolta la richiesta degli avvocati del centrocampista francese, che così avranno più tempo per perfezionare la strategia difensiva.

Pogba, rinviata l’udienza al Tribunale nazionale antidoping: era prevista per il 18 gennaio 2024

L’udienza al Tribunale nazionale antidoping di Paul Pogba, originariamente in programma per il 18 gennaio 2024, è stata rinviata. Sono stati i legali del centrocampista francese, di proprietà della Juventus, a chiedere un rinvio. Non è stata ancora stabilita la nuova data. Il calciatore è stato trovato positivo al testosterone durante i controlli antidoping seguiti al match tra Udinese e Juventus, il 20 agosto scorso. Anche le controanalisi, il mese dopo, hanno evidenziato la positività del francese.

Pogba, rinviata l'udienza al Tribunale nazionale antidoping era prevista per il 18 gennaio 2024
Paul Pogba (Getty Images).

La Procura ha chiesto quattro anni di squalifica

Paul Pogba è stato sospeso il 12 settembre dalla Juventus in via cautelare. Poi è scattata anche la riduzione dello stipendio al minimo, per tutto il periodo di inattività del giocatore e in attesa che il caso venga definito. La Procura antidoping ha chiesto per il francese quattro anni di squalifica. Con il rinvio dell’udienza accordato dal Tribunale antidoping, i legali di Pogba avranno quindi più tempo per perfezionare la strategia difensiva che ha tra i suoi punti la buona fede del giocatore nell’aver assunto la sostanza vietata in Italia, durante la scorsa estate quando era in vacanza a Miami, in America. Pogba compirà 31 anni il prossimo 15 marzo e il suo contratto con la Juventus scade il 30 giugno 2026.