Polemica sulle ferie dei deputati, la Camera: «Altri ne fanno di più»

Redazione
07/08/2017

Le ferie dei vicini sono sempre più lunghe. La Camera non ci sta ad essere additata come un posto popolato...

Polemica sulle ferie dei deputati, la Camera: «Altri ne fanno di più»

Le ferie dei vicini sono sempre più lunghe. La Camera non ci sta ad essere additata come un posto popolato da scansafatiche. Da qui nasce la replica di Montecitorio alla polemica estiva sulla lunghezza delle vacanze dei deputati. Dopo una verifica su quello che accade negli altri parlamenti europei, l'ufficio stampa di Montecitorio ha reagito alle critiche dimostrando che in Francia, Germania, Gran Bretagna e Spagna i deputati staranno lontani dai loro scranni per un periodo più lungo di quello dei loro colleghi italiani.

DUE MESI DI FERIE PER IL BUNDESTAG. I conti sono presto fatti. La Camera è andata in ferie il 4 agosto e riaprirà il 5 settembre per le prime riunioni delle commissioni: un mese esatto di vacanze. Ebbene, a Berlino il Bundestag è in ferie dal 1 luglio e ci rimarrà fino al 4 settembre: sono due mesi e spiccioli. A Londra la Camera dei Comuni del Regno Unito è chiusa dal 20 luglio e riaprirà dal 5 settembre con una coda di altri 20 giorni a metà settembre: in totale due mesi e dieci giorni di vacanze, e quest'anno ai deputati di Sua Maestà è andata male perché la House of Commons è stata appena eletta, altrimenti le ferie durano tre mesi, da metà luglio a metà ottobre.

SEI SETTIMANE DI FERIE IN FRANCIA. Situazione simile a Parigi: quest'anno l'Assemblea Nazionale francese fa vacanze corte perché è stata appena eletta (la pausa dura dal 9 agosto al 26 settembre), ma nella routine parigina i lavori si interrompono per due mesi e mezzo, da metà luglio ai primi di ottobre. Idem a Madrid: il Congresso dei Deputati spagnolo ha chiuso il 30 giugno e riaprirà i battenti il 12 settembre, due mesi e mezzo di "vacaciones". Al confronto, i deputati italiani ci fanno la figura degli stakanovisti.