La Federcalcio polacca ha chiamato “pogrom” il successo su Israele

Il post sul profilo Facebook ufficiale è stato rimosso, ma non ha impedito che si scatenasse una pioggia di polemiche e indignazione. Relazioni sempre più tese tra i due Paesi.

12 Giugno 2019 18.31
Like me!

Si è trasformato in un vero proprio incidente diplomatico dai toni vergognosi il contorno social del match di qualificazione a Euro 2020 tra Polonia e Israele.

LA FRASE RIMOSSA TRA POLEMICHE E INDIGNAZIONE

In un post sulla sua pagina Facebook la Federcalcio polacca ha definito «un pogrom» – il termine usato per le persecuzioni contro gli ebrei nell’Europa dell’Est – la vittoria per 4-0 contro la nazionale israeliana. «GOOOOOOOL! Questo è già un pogrom», la frase incriminata, subito rimossa ma non prima di rimbalzare tra polemiche e indignazione sui media polacchi e su quelli israeliani.

LE VANE GIUSTIFICAZIONI DELLA FDEDERCALCIO POLACCA

Il profilo Facebook della Federcalcio polacca, “Uniti da un pallone”, ha più di un milione di follower. Il portavoce della federazione Jakub Kwiatkowski, interpellato dal magazine polacco Polityca ha cercato di giustificarsi dicendo che «nelle partite viene spesso usata la parola pogrom. Se avessimo un tale approccio, non potremmo usare la parola bruciato nelle cronache. Forse questa parola era imbarazzante, perché solleva inutilmente queste emozioni».

TANTI COMMENTI ANTISEMITI AL POST

Anche numerosi commenti a corredo del post, ha riferito lo stesso Polityca, avevano un tono antisemita. Le relazioni tra Polonia e Israele sono state messe alla prova l’anno scorso dopo l’introduzione di una legge in Polonia che rende illegale attribuire alla nazione polacca i crimini nazisti, tra cui la gestione del campo di sterminio di Auschwitz.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *