Polverini interviene sulla targa per Sandri

Redazione
10/10/2010

E’ intervenuta Renata Polverini, presidente della Regione Lazio, per dire che ci sarà «una risoluzione positiva di questo fatto increscioso»....

Polverini interviene sulla targa per Sandri

E’ intervenuta Renata Polverini, presidente della Regione Lazio, per dire che ci sarà «una risoluzione positiva di questo fatto increscioso».
Il 9 novembre era stato reso noto che non bastavano le 25 mila firme raccolte per la targa in memoria del tifoso laziale ucciso da un colpo di pistola partito dall’arma del poliziotto Luigi Spaccarotella.
In base a quanto riportato dal sito del ragazzo, confermato anche dal padre di Gabriele, Giorgio Sandri, lo stop sarebbe arrivato da Autostrade per l’Italia. Erano state raccolte 25mila firme per chiedere che fosse esposta la targa commemorativa.
Sul cartello, che doveva essere inaugurato in occasione del terzo anniversario dalla morte del ragazzo, sarebbe stato scritto: «Nel ricordo di Gabriele Sandri, cittadino italiano».
«Non la vogliono perché, sostengono, che altrimenti si dovrebbero ricordare tutti i morti negli incidenti» ha detto Giorgio Sandri, padre del tifoso laziale. «Temono che l’autostrada si trasformi in un campo santo. Ma, sinceramente, e con il rispetto per le vittime, mi sembra che la morte di Gabriele abbia qualcosa di diverso».
Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno ha detto che invierà  «una lettera al presidente di Autostrade per l’Italia, Fabio Cerchiai, per chiedere l’affissione della targa in ricordo di Gabriele Sandri».