Il potere d’acquisto delle famiglie nel 2022 cala dell’1,6 per cento

Redazione
11/10/2023

La spesa per consumi finali cresce del 12,6 per cento mentre la propensione al risparmio dei nuclei scende all'8 per cento. I dati dell'Istat.

Il potere d’acquisto delle famiglie nel 2022 cala dell’1,6 per cento

L’Istat ha rilevato che nel 2022 il reddito disponibile è aumentato del 5,5 per cento, ma si è ridotto il potere d’acquisto delle famiglie (-1,6 per cento). La spesa per consumi finali è cresciuta del 12,6 per cento mentre la propensione al risparmio delle famiglie è scesa all’8 per cento dal 13,8 per cento del 2021. L’Istat ha segnalato che il tasso di investimento ha raggiunto il 9 per cento (dall’8,1 per cento del 2021). Il valore aggiunto delle società non finanziarie è aumentato del 9,1 per cento e il tasso di profitto si è attestato al 45,1 per cento, ritornando ai livelli del 2007. La crescita del 16,5 per cento degli investimenti fissi lordi ha portato il tasso di investimento delle società non finanziarie al 22,9 per cento, il livello più alto dal 2008.