Pozzolo è stato sospeso dal gruppo di Fratelli d’Italia alla Camera

Redazione
09/01/2024

A parlare della sospensione era stata Giorgia Meloni durante la conferenza stampa di fine anno. La Procura di Biella intanto continua ad ascoltare i testimoni e a indagare su quanto accaduto durante la festa di Capodanno. Dalla pistola di proprietà del deputato è partito un proiettile che ha ferito un 31enne.

Pozzolo è stato sospeso dal gruppo di Fratelli d’Italia alla Camera

L’ufficio di presidenza di Fratelli d’Italia alla Camera ha sospeso Emanuele Pozzolo. La sospensione dal partito era stata chiesta lo scorso 4 gennaio dalla premier Giorgia Meloni, e adesso, secondo fonti parlamentari, è arrivata. Intanto le indagini sul caso relativo allo sparo durante la festa di Capodanno nei locali della Pro Loco di Rosazza proseguono. Un proiettile, partito dalla pistola di proprietà del deputato, ha ferito il 31enne Luca Campana. Quest’ultimo, genero del capo scorta del sottosegretario alla Giustizia Andrea Delmastro, ha denunciato Pozzolo il 5 gennaio.

LEGGI ANCHETra il pistolero Pozzolo e i rilievi di Mattarella il 2024 di Meloni è già un incubo

Tra i testimoni ascoltati c’è stato anche Delmastro

La Procura di Biella sta continuando a indagare sul caso. L’8 gennaio sono stati ascoltati numerosi testimoni nel tentativo di ricostruire chi ha aperto il fuoco. Le indagini si sono concentrate, negli ultimi giorni, sui 20 secondi passati da quando l’arma è stata vista tra le mani di Pozzolo e il suono dello sparo. Tra i testimoni ascoltati c’è stato Andrea Delmastro, oltre ad altre venti persone circa. Tra loro anche la sindaca di Rosazza, nonché sorella del sottosegretario, Francesca Delmastro, e uno dei suoi assessori, Davide Zappalà, anche lui in quota Fratelli d’Italia.

Pozzolo è stato sospeso dal gruppo di Fratelli d'Italia alla Camera
Il sottosegretario Andrea Delmastro e il deputato Emanuele Pozzolo (Imagoeconomica).

Zappalà: «Non ho visto Pozzolo con la pistola in mano»

Proprio Zappalà, al termine dell’incontro in procura, si è fermato a parlare con i giornalisti. Come spiegato da Sky Tg24, ha dichiarato: «Pozzolo con la pistola in mano. E la pistola l’ho vista solo al termine della serata quando i marescialli dei carabinieri l’hanno messa via». E ancora: «Ero presente nella sala ma non ho avuto modo di assistere alle parti più importanti. Non ho visto il momento dello sparo, ho solo sentito il botto ma non ho visto chi ha sparato, e non so dire quanto tempo sia trascorso dal momento in cui è entrato Pozzolo al momento dello sparo».