Prato: ebbe un figlio dal 14enne a cui dava ripetizioni, condannata in via definitiva

Redazione
25/10/2023

La Cassazione ha rigettato il ricorso della donna che dovrà scontare 6 anni e cinque mesi. Dalle conversazioni via chat, erano emerse pressioni psicologiche e ricatti che la 35enne utilizzò per portare avanti la relazione con il ragazzo.

Prato: ebbe un figlio dal 14enne a cui dava ripetizioni, condannata in via definitiva

La Cassazione ha rigettato il ricorso di una donna, oggi 35enne, che nel marzo del 2019 fu arrestata per violenza sessuale su minore. L’allora operatrice socio sanitaria di Prato, sposata e madre di un bambino di 10 anni, dalla relazione iniziata quando l’adolescente era ancora 13enne, ebbe poi un figlio. La condanna a 6 anni, 5 mesi e 15 giorni, subita in appello per atti sessuali e violenza sessuale per induzione su minore, è dunque diventata definitiva. «La mia assistita si costituirà stasera stessa al carcere di Sollicciano», ha commentato l’avvocato della difesa Mattia Alfano.

Ricatti e pressioni via chat

Secondo la ricostruzione, tutto era iniziato durante alcune ripetizioni di inglese che lei stessa si era offerta di dare al giovane in vista dell’esame di terza media. Le accuse erano incentrate sui rapporti sessuali che l’imputata aveva avuto con il ragazzino e amico di famiglia, che alla fine, spaventato ciò che stava accadendo, decise di confessare tutto alla madre. Dalle conversazioni via chat infatti, erano emerse pressioni psicologiche e ricatti, che la donna utilizzò per portare avanti la relazione con il minore.