Il premio Turing ai pionieri dell’intelligenza artificiale

27 Marzo 2019 14.28
Like me!

Il premio Turing, considerato per l'informatica l'equivalente del Nobel e finanziato da Google, è andato quest'anno ai "maestri delle macchine", ossia ai pionieri che hanno rivoluzionato la ricerca sull'intelligenza artificiale aprendo la strada alle prime applicazioni pratiche, dalla robotica alla medicina. Yoshua Bengio, dell'università di Montreal, ha diviso il premio con Geoffrey Hinton, dell'Università di Toronto, e Yann LeCun, della New York University.

PREMIO DA UN MILIONE DI DOLLARI

I tre vincitori si dividono un premio da un milione di dollari. Hinton ha fatto sapere che donerà una porzione della sua fetta alla facoltà umanistica dell'Università di Toronto: «Ricevono pochissimi finanziamenti, e penso che le materie umanistiche saranno molto importanti in futuro». Tra i vincitori del passato si ricordano Tim Berners-Lee, inventore del world wide web, e Whitfield Diffie, che ha contribuito a sviluppare la crittografia asimmetrica.

IN PRIMA LINEA NELLA RICERCA SULL'INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Oltre agli incarichi universitari, tutti e tre i premiati sono in prima linea nella ricerca e applicazioni più avanzate dell'intelligenza artificiale. Bengio (55 anni), ad esempio, è direttore scientifico del Mila (Montreal Institute for Learning Algorithms), Hinton (72 anni) è consulente di Google e LeCun (59 anni) è responsabile della ricerca sull'intelligenza artificiale di Facebook. Sebbene abbiano lavorato in modo indipendente, si sono continuamente confrontati e insieme hanno preparato la strada che oggi ha portato a riconoscere i vantaggi dell'apprendimento delle macchine. Riconoscimento del linguaggio e visione artificiale sono state fra le ricadute principali del loro lavoro. Spento l'entusiasmo degli anni '80 per le reti neurali, Bengio, Hinton e LeCun e nonostante lo scetticismo dei loro colleghi, non si sono arresi e hanno continuato a lavorare in questa direzione finché all'inizio degli anni 2000 le loro idee si sono dimostrate vincenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *