Paolo Madron

La solitudine di Renzi rinnegato dai fedelissimi

La solitudine di Renzi rinnegato dai fedelissimi

06 Marzo 2019 08.01
Like me!

Matteo Renzi, inaspettatamente, era a Milano la sera del 5 marzo per presenziare al debutto del monologo-orazione di Bernard-Henri Levy sull’Europa. Teatro Franco Parenti gremito da moltissime facce note dell’intellighenzia meneghina (ecco d’un sol colpo una plastica rappresentazione delle tanto vituperate èlites), in prima fila tutti europeisti di provata fede come Giovanni Bazoli e Mario Monti. E Giuseppe Sala, cui è toccato l’onore del palco e l’ovazione del pubblico, lui forte della manifestazione anti-razzista di Milano che ha di fatto sancito le aspirazioni del sindaco milanese a una futura leadership nazionale. Di sovranisti, ovviamente, manco l’ombra (deluso chi pensava a qualche infiltrato che potesse movimentare la serata) se non nella performance di Levy, in cui i cinque stelle e Luigi Di Maio sono relegati al ruolo di utili idioti mentre il nemico vero, il pericolo numero uno, l’uomo nero, è Matteo Salvini. Ma a noi interessava l’altro Matteo, solitario all’estremità della prima fila, citato un paio di volte da Levy come emblema di resistenza ai nuovi barbari, a cui la platea ha riservato un tiepido applauso di circostanza.

UN EX LEADER CHE VIVE UN DRAMMA PERSONALE E POLITICO

Guardando Renzi mentre stringeva qualche mano, si intuiva che dietro la sicumera con cui continua imperterrito a dare mostra di sé, complice la presentazione di un libro che girando l’Italia gli riserva ancora il plauso e il calore dei suoi tifosi, l’uomo sta vivendo un evidente dramma personale, umano e politico. Da una parte c’è l’arresto dei suoi genitori, che immaginiamo quanto possa essere destabilizzante su affetti e legami familiari. Dall’altra il suo isolamento nel partito, dopo che la plebiscitaria vittoria alle Primarie di Nicola Zingaretti ne ha di fatto avviato la derenzianizzazione. Con tanto di triste e miserrimo spettacolo di ex fedelissimi che si affrettano a salire sul carro del vincitore, rinnegando quella che in loro fino a ieri appariva come una incollabile fedeltà all’ex segretario.

LEGGI ANCHE: Renzi non tornerà mai più leader del centrosinistra

Tutti a dire che Renzi oramai non lo vedono e non lo sentono da un pezzo (l’ultimo in ordine di tempo è stato Graziano Delrio), e che in fondo ne avevano sempre mal sopportato i modi e quell’indole divisiva che ha finito col trasformare il Pd in una partita del tutti contro tutti. Niente di nuovo in un Paese dove trionfa l’opportunismo e la gratitudine, come diceva Giulio Andreotti, è il sentimento della vigilia. Ma è drammatico come nel Pd ci sia questa attitudine a voltare pagina come se niente fosse. E così come Renzi pervicacemente rifiuta di fare i conti con i suoi errori, allo stesso modo la nuova dirigenza del partito sembra volersi sbarazzare senza colpo ferire di una stagione che l’ha vista convintamente partecipe sotto le insegne del rottamatore.

RENZI ALLA RICERCA DI UN NUOVO RUOLO POLITICO

Ma cosa ci faceva alla fine l’ex premier alla serata milanese? Forse era venuto a omaggiare un intellettuale che torna buono alla sua causa, e la cui ricerca dell’Europa contro il montare dei populismi (è il titolo del libro che accompagna la sua tournée in 20 capitali del Vecchio continente) può costituire la base teorica per la ripartenza? Forse era all’evento patrocinato da La Stampa, oggi il più europeista dei giornali italiani, a marcare e ribadire un’appartenenza e su di essa a cercare un comune terreno politico transnazionale? L’unica cosa certa per ora è che le strade di Renzi e del Pd sono destinate a separarsi, e che la Francia di Emmanuel Macron è un suo alleato imprescindibile per arginare l’onda montante dell’internazionale populista. Un’impresa in cui Renzi vuole avere un ruolo, anche se magari ancora non sa come e quando.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *