Redazione

Cosa ha detto Tria nell'intervista al Tg1

Cosa ha detto Tria nell’intervista al Tg1

Il ministro dell’Economia, dopo la messa in mora dell’Italia da parte della Commissione europea, ha assicurato che reddito e quota 100 non si toccano. Ma su entrambe le misure ci sono «risparmi sostanziali» che potranno essere usati nella trattativa con Bruxelles.

05 Giugno 2019 20.30

Like me!

Il ministro dell’Economia Giovanni Tria, dopo la messa in mora dell’Italia da parte della Commissione europea, ha detto che Bruxelles «non ha aperto una procedura d’infrazione, ma ha dichiarato che ci sono i presupposti per una procedura. Adesso si aprirà un dialogo costruttivo e i mercati lo hanno capito».

LEGGI ANCHE: Qual è l’iter per evitare la procedura di infrazione

Il titolare del Mef ha poi voluto rassicurare i cittadini, spiegando che reddito di cittadinanza e quota 100 non saranno toccati: «Sono leggi dello Stato, tutti coloro che hanno acquisito diritti vedranno soddisfatti questi diritti». Tuttavia, poiché il governo aveva stanziato fondi molto consistenti per finanziare entrambe le misure, «adesso stiamo vedendo che ci saranno dei risparmi in qualche modo sostanziali».

A QUANTO AMMONTANO I RISPARMI

Tradotto: i soldi “risparmiati” perché i beneficiari effettivi sono meno numerosi rispetto alle previsioni dell’esecutivo, potranno essere impiegati diversamente. Si tratta in tutto di circa 1,3 miliardi di euro, secondo i calcoli messi nero su bianco da Palazzo Chigi nella nota con cui ha risposto alla Commissione europea. Il residuo, «sulla base delle informazioni ad oggi disponibili […] ragionevolmente risulterà pari a un ulteriore 0,07% del Pil», ovvero a circa 1,3 miliardi. In tutto, sarebbe quindi destinato a rimanere inutilizzato oltre il 10% dei circa 11 miliardi di euro messi a disposizione nel 2018 dalla legge di bilancio per finanziare il reddito di cittadinanza (7,1 miliardi) e le pensioni quota 100 (3,9 miliardi).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *