Il processo ai banchieri di Carife ha assolto 9 indagati su 11

Il processo ai banchieri di Carife ha assolto 9 indagati su 11

11 Febbraio 2019 18.49
Like me!

Poco meno di sette ore di camera di consiglio per cancellare mezza inchiesta sul crac Carife legato all'aumento di capitale 2011, per 150 milioni di euro: il tribunale di Ferrara ha infatti condannato due imputati e ne ha assolti nove. Due anni e sei mesi all'ex presidente Sergio Lenzi e due anni e tre mesi all'ex dg Daniele Forin. Condanne basse, rispetto alle richieste (7 anni e 4 mesi e 7 anni) solo per i reati di falso in prospetto, ostacolo alla vigilanza e solo per un capo di aggiotaggio per Lenzi, mentre gli altri aggiotaggi per i due massimi vertici sono stati dichiarati prescritti. Cade invece l'accusa di bancarotta fraudolenta perché il fatto non sussiste: dunque, secondo i giudici non vi fu 'fittizietà' del patrimonio, non vi furono scambi di azioni illegali tra Carife e le banche amiche per arrivare alla quota dell'aumento di capitale di 150 milioni di euro. Per questo sono stati assolti tutti gli imputati cui era contestato il concorso in bancarotta patrimoniale, e negli altri reati.

Assolti con varie formule (il fatto non costituisce reato o non sussiste) Michele Sette, funzionario tecnico Carife, Michele Masini, responsabile società revisione Deloitte&Touche e Davide Filippini (indicato dalla Procurta come il 'deus ex machina' dell'operazione). Assolti pure i massimi dirigenti delle banche coinvolte Germano Lucchi, Maurizio Teodorani e Adriano Gentili (per Cari Cesena) e per Spartaco Gafforini (Valsabbina Brescia). Assolti infine anche Paolo Govoni e Teodorico Nanni, gli unici per cui la stessa procura non aveva ravvisato responsabilità. La sentenza è arrivata a quattro anni di distanza, dopo indagini e udienze fiume e un processo in corsa, iniziato nel giugno scorso e concluso con il verdetto, per evitare le prescrizioni dei reati minori. La lettura del dispositivo, nel pomeriggio, è durata quasi un'ora e mezza, perché sono state elencate tutte le parti civili, nomi e cognomi di quasi mille risparmiatori, gli azionisti che comprarono azioni Carife: per tutti loro, però, tuttavia, il tribunale non ha stabilito nessuna provvisionale, demandata al civile. La sentenza di questo processo è una sorta di primo round: adesso tutte le parti si confronteranno sulla nuova inchiesta che riguarda il dissesto della banca dal 2007 al 2013, con una trentina di indagati per bancarotta per dissipazione e distrazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *