Protesta degli agricoltori, giovedì la proposta dell’Ue

Redazione
30/01/2024

La Commissione europea il primo febbraio presenterà una nuova deroga alle norme comunitarie sulle quote minime di terreno da mantenere a riposo per avere accesso agli aiuti della Politica agricola comune (Pac).

Protesta degli agricoltori, giovedì la proposta dell’Ue

Con le proteste degli agricoltori che si stanno allargando in più Paesi dell’Unione Europea, la Commissione Ue presenterà giovedì 1 febbraio una proposta per una nuova deroga alle norme comunitarie rivolte agli agricoltori sulle quote minime di terreno da mantenere a riposo per avere accesso agli aiuti della Politica agricola comune (Pac). Lo ha annunciato un portavoce dell’esecutivo Ue. «Sulla base della minaccia percepita per la sicurezza alimentare» a causa della guerra in Ucraina, ricorda il portavoce, Bruxelles aveva già introdotto una deroga ai requisiti (in gergo, Bcaa 8) sui terreni a seminativo da lasciare a riposo. Ora, con le proteste degli agricoltori che montano in tutta Europa, una nuova deroga è all’esame.

LEGGI ANCHE: La protesta degli agricoltori, il governo e il cortocircuito del mercato

Anche gli agricoltori spagnoli si uniscono alle proteste

Nel frattempo, anche gli agricoltori spagnoli hanno annunciato l’adesione al movimento di protesta europeo, convocando la mobilitazione in tutto il Paese. Le organizzazioni agricole Asaja, Coag e Upa hanno annunciato un calendario di protesta per chiedere un «cambio nelle politiche europee e un piano shock di interventi del governo a favore dei territori contro la crisi che vive il settore». Lo riporta l’agenzia Efe.