La protesta del latte minaccia di bloccare le elezioni in Sardegna

La protesta del latte minaccia di bloccare le elezioni in Sardegna

10 Febbraio 2019 21.19
Like me!

Dopo giorni di proteste per con porti presidiati, blocchi stradali, assalti alle aziende casearie e migliaia di litri di latte sversati, i pastori della Sardegna hanno lanciato un ultimatum: «Una soluzione in pochi giorni o bloccheremo i seggi elettorali», hanno avvertito in vista delle Regionali del 24 febbraio. Per un litro di latte prendono circa 60 centesimi: ne chiedono 70 netti, ma pretendono anche una maggiore tutela delle Dop e il controllo delle importazioni. Il 10 febbraio hanno denunciato le «pessime condizioni della carne d'importazione», scaricando a terra quarti di suino provenienti dalla Francia. Viaggiavano su un tir-frigo imbarcato a Genova e attraccato domenica a Porto Torres, dove l'hanno atteso più di 100 allevatori, guardati a vista dalle forze dell'ordine in assetto anti-sommossa. Momenti di tensione si sono registrati quando è stato ordinato di chiudere il camion, lasciato ripartire solo verso ora di pranzo.

SOLIDARIETÀ E INCHIESTE GIUDIZIARIE

La rivolta ha fatto tappa anche a Olzai, nel Nuorese, e a Sant'Antioco, nel sud Sardegna, dove sono stati sversati centinaia di litri di latte: a Olzai sono finiti nel fiume che attraversa il paese. La statale 131, che collega il sud e il nord dell'Isola, è stata bloccata, questa volta all'altezza di Sanluri. Problemi anche sulla statale 129. La gente solidarizza. Sabato erano stati i calciatori del Cagliari, dopo un tentativo dei pastori di bloccare la loro partenza per la trasferta di Milano. Domenica è arrivato il turno dei commercianti di Nuoro: martedì 12 febbraio chiuderanno tutti i negozi del centro, una serrata «in segno di solidarietà e, quel che più conta, di condivisione con gli amici pastori e agricoltori». Intanto le forze dell'ordine lavorano per individuare i responsabili della contestazione. Attraverso i filmati rilanciati sui social, già cinque allevatori sono stati identificati e denunciati.

SALVINI PROPONE UNA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE

Il governo, intanto, fa mostra di muoversi. «Io sto con i pastori», ha detto il vicepremier Matteo Salvini, chiarendo che è «urgente dare vita a una Commissione unica nazionale con pastori, produttori e industriali per il latte ovino, con lo Stato (vista l'assenza della Regione) che torna a fare lo Stato e stabilisce un prezzo minimo di contrattazione, anche con un'eventuale parte di sovvenzione». Il ministro dell'Agricoltura, Gian Marco Centinaio, non ha dubbi: «I pastori sardi hanno perfettamente ragione». E ha annunciato la sua visita in Sardegna per il prossimo weekend. L'opposizione entra nella vertenza con Maurizio Martina, candidato alla segreteria del Pd: «Nessuno può rimanere indifferente. Come abbiamo costruito una soluzione per il latte vaccino negli anni scorsi, ora il governo deve occuparsi subito dei pastori, convocandoli immediatamente a un tavolo al ministero».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *