Il 6 dicembre Putin sarà in visita in Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti

Redazione
05/12/2023

Il giorno successivo il presidente iraniano Raisi raggiungerà lo zar a Mosca per discutere «di questioni regionali e internazionali, in particolare la situazione a Gaza», spiega Teheran.

Il 6 dicembre Putin sarà in visita in Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti

Il Cremlino ha confermato che Vladimir Putin il 6 dicembre sarà in visita in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti. Al centro dei colloqui, riferiscono le agenzie russe, il conflitto israelo-palestinese e il mercato del petrolio. Il portavoce presidenziale Dmitry Peskov ha confermato poi che giovedì 7 dicembre, al ritorno dal viaggio nella penisola arabica, Putin riceverà al Cremlino l’omologo iraniano Ebrahim Raisi.

Il 6 dicembre Putin sarà in visita in Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. Il 7 il presidente iraniano Raisi lo raggiungerà a Mosca.
Vladimir Putin scherza con Mohammad bin Salman (Getty Images).

Si tratta del quinto viaggio di Putin all’estero dal mandato di cattura internazionale

In Arabia Saudita, Putin incontrerà il principe ereditario Mohammad bin Salman, ha spiegato Yuri Ushakov, assistente di Putin. Prima di Riad, lo zar sarà negli Emirati Arabi, dove si terranno «utili negoziati», che Mosca definisce «estremamente importanti». Questi viaggi costituiranno il quinto viaggio di Putin all’estero da quando la Corte penale internazionale ha emesso un mandato di arresto nei suoi confronti per la deportazione illegale di bambini ucraini in Russia.

Il 6 dicembre Putin sarà in visita in Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. Il 7 il presidente iraniano Raisi lo raggiungerà a Mosca.
Stretta di mano tra Vladimir Putin e Ebrahim Raisi (Getty Images).

Giovedì 7 ottobre in programma a Mosca l’incontro tra Putin e Raisi

Il 7 ottobre, come detto, sarà invece Raisi a far visita a Putin a Mosca. L’agenzia di stampa ufficiale iraniana Irna aveva riferito del viaggio in programma, spiegando che i due leader avrebbero discusso di «questioni bilaterali, comprese le interazioni economiche, nonché discussioni su questioni regionali e internazionali, in particolare la situazione a Gaza». Putin e Raisi si sono sentiti telefonicamente l’ultima volta il 16 ottobre: nel corso della chiamata entrambi avevano espresso preoccupazione per la guerra in corso tra Israele e Hamas. Da quando ha invaso l’Ucraina, la Russia si è rivolta all’Iran per ottenere sostegno militare e partenariati economici: ad accomunare i due Stati una serie di sanzioni imposte dai Paesi occidentali, che a più riprese hanno accusato la Repubblica islamica di aver fornito grandi quantità di droni e altri armamenti alla Federazione Russa.