Perché il Congresso e Trump stanno litigando sul rapporto Mueller

Perché il Congresso e Trump stanno litigando sul rapporto Mueller

Il presidente della commissione Giustizia ha chiesto la relazione sul Russiagate senza omissis. No di Casa Bianca e ministro Barr. Che ora rischia la citazione per oltraggio. 

08 Maggio 2019 15.26

Like me!

Il presidente statunitense Donald Trump ha invocato il cosiddetto privilegio dell'esecutivo (executive privilege) sul rapporto completo sul Russiagate del procuratore speciale Robert Mueller nel tentativo di schermare la versione integrale delle indagini. Lo ha annunciato il Dipartimento di Giustizia.

È la prima volta che Trump esercita tale potere da quando è entrato alla Casa Bianca. Una decisione che è destinata ad accentuare lo scontro con il Congresso e i democratici, come ha spiegato il presidente della commissione Giustizia della Camera Jerrold Nadler, parlando di «sfida totale».

IL GRAN RIFIUTO DEL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

Nadler aveva chiesto la consegna della versione integrale del rapporto di Mueller, ma Sarah Huckabee Sanders, portavoce della Casa Bianca, ha chiarito che «né la White House né il ministro della Giustizia William Barr adempiranno alle richieste fuori legge e sconsiderate» del presidente della commissione Giustizia. Huckabee Sanders ha sottolineato che «di fronte allo sfacciato abuso di potere di Nadler e di fronte alla richiesta del ministro della Giustizia, il presidente non ha altra scelta che invocare il privilegio dell'esecutivo. Gli americani meritano un Congresso che sia concentrato a risolvere i veri problemi come la crisi al confine, gli elevati costi dei medicinali e le infrastrutture».

LE POSSIBILI CONSEGUENZE (DETENZIONE INCLUSA)

Alla commissione Giustizia della Camera è in agenda il voto preliminare per accusare Barr di oltraggio al Congresso, proprio per la decisione di non consegnare il rapporto sul Russiagate senza gli omissis. Il voto della commissione dovrebbe essere seguito da quello dell'intera Camera, controllata dai democratici. Una citazione per oltraggio potrebbe portare a una causa civile contro l'attorney general, col rischio di multe o detenzione. La speaker della Camera Nancy Pelosi, rispondendo alla domanda se l'impeachment del ministro della Giustizia sia sul tavolo o meno, ha commentato: «Nulla è escluso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *