Rapporto SIAE 2022, l’economia degli spettacoli vale 3 miliardi (+187 per cento)

Debora Faravelli
13/10/2023

Oltre 3 milioni di eventi (+80 per cento sul 2021) per 205 milioni di spettatori (+150 per cento) tra spettacolo, intrattenimento e sport. Il dg Fedeli: «Segnali incoraggianti».

Rapporto SIAE 2022, l’economia degli spettacoli vale 3 miliardi (+187 per cento)

È un’Italia che ha pienamente ripreso a organizzare eventi e a frequentare cinema, teatri, concerti, mostre, partite di calcio e tutti gli altri spettacoli d’intrattenimento quella che emerge dal Rapporto SIAE 2022, con numeri che tornano ad avvicinarsi al periodo pre-pandemico e che in alcuni comparti sono persino più alti. Questa la prima istantanea di Spettacolo, Intrattenimento e Sport, il report della Società italiana degli autori e degli editori, giunto alla 87esima edizione, che nel 2023 si è avvalso della collaborazione dell’Associazione Economia per la Cultura e dell’AGIS – Associazione Generale Italiana dello Spettacolo.

Oltre 3 milioni di eventi e 200 milioni di spettatori

L’analisi ha rilevato che, nel settore dello spettacolo (cinema, teatro, concerti, mostre), ci sono stati oltre 2,5 milioni di eventi (+68 per cento vs. 2021 e -28 per cento vs. 2019), a cui hanno assistito 103 milioni di spettatori (+137 per cento vs. 2021 e -36 per cento vs. 2019) con una spesa di 1.543 milioni di euro (+223 per cento vs. 2021 e -15 per cento vs. 2019), di cui solo il 17,5 per cento al Sud Italia e nelle isole. Per quanto riguarda l’intrattenimento (ballo e intrattenimento musicale, spettacolo viaggiante e fiere) si sono registrati 470 mila appuntamenti (+162 per cento vs. 2021 e -31 per cento vs. 2019), con 75,6 milioni di partecipanti (+155 per cento vs. 2021 e -22 per cento vs. 2019) e 1 miliardo di euro spesi (+155 per cento vs. 2021 e -26 per cento vs. 2019). Lo sport ha invece organizzato 68 mila eventi (+151 per cento vs. 2021 e -44 per cento vs. 2019), con 25 milioni di spettatori (+204 per cento vs. 2021 e -18 per cento vs. 2019), per una spesa di 485 milioni di euro (+164 per cento vs. 2021 e -23 per cento vs. 2019), di cui 380,8 derivanti da partite di calcio.

Rapporto SIAE 2022, l’economia degli spettacoli vale 3 miliardi (+187 per cento)
Presentazione del Rapporto SIAE 2022 (SIAE).

Gli incassi tornano sopra quota 3 miliardi

Il 2022 si è confermato l’anno della ripresa anche dal punto di vista degli incassi, che sono tornati a superare la soglia dei 3 miliardi di euro. Pur non arrivando alle cifre del 2019, anno in cui si è andati oltre i 3,8 miliardi di euro, la dimensione della spesa complessiva è quella che, tra le tre principali variabili di analisi (spettacoli, spettatori, spesa), ha dimostrato una migliore capacità di recupero sulla situazione pre-pandemica. È restata indietro, però, la spesa pro-capite, che prima della pandemia superava i 64 euro per ogni italiano residente mentre per il 2022 si è fermata a 51,78 euro. Un deciso miglioramento, comunque, rispetto al 2021, quando non si arrivava ai 18 euro pro capite. I rincari nella spesa hanno riguardato pressoché tutti i settori, anche se l’aumento generalizzato per lo spettacolo è stato spinto soprattutto dai costi dei biglietti dei concerti di musica leggera e delle partite di calcio.

Nastasi: «Conoscere le dinamiche dello spettacolo per elaborare nuove strategie»

Salvatore Nastasi, presidente della SIAE, ha così commentato i dati presentati: «L’accordo con AGIS mira a costruire un percorso di collaborazione su larga scala con l’obiettivo condiviso di costruire un Osservatorio permanente per la raccolta e la condivisione dei dati dello spettacolo culturale italiano. Attraverso una migliore conoscenza e consapevolezza delle dinamiche dello spettacolo sarà possibile elaborare nuove strategie per la difesa del diritto d’autore e per lo sviluppo delle imprese culturali, anche attraverso progetti di valorizzazione dei nostri giovani talenti».

Rapporto SIAE 2022, l’economia degli spettacoli vale 3 miliardi (+187 per cento)
Salvatore Nastasi (SIAE).

Fedeli: «Segnali incoraggianti»

Gli ha fatto eco Matteo Fedeli, direttore generale della SIAE: «Il 2022 ha mostrato segnali incoraggianti specialmente a seguito del termine dello stato di emergenza, chiudendo con oltre 3 milioni di eventi. Un incremento complessivo di circa l’80 per cento rispetto all’offerta dell’anno precedente ma con ancora un ritardo del 29 per cento sul 2019. A livello di pubblico sono stati registrati quasi 205 milioni di spettatori, con alcuni settori – come concerti di musica leggera, circo,spettacolo viaggiante e parchi da divertimento – con numeri anche superiori al periodo pre-pandemico, e oltre 3 miliardi di spesa».

Rapporto SIAE 2022, l’economia degli spettacoli vale 3 miliardi (+187 per cento)
Matteo Fedeli (SIAE).