Ravenna, detenuto si toglie la vita

Redazione
12/10/2010

Un detenuto di origine siciliana, D.B.C., nato a Gela (Caltanissetta), si è suicidato il 12 ottobre nel carcere di Ravenna:...

Ravenna, detenuto si toglie la vita

Un detenuto di origine siciliana, D.B.C., nato a Gela (Caltanissetta), si è suicidato il 12 ottobre nel carcere di Ravenna: aveva 42 anni ed era stato arrestato il 29 settembre per rapina. Già noto alle forze dell’ordine, aveva anche un passato da collaboratore di giustizia.
Il suo cadavere è stato scoperto intorno alle 8 del mattino nella cella in cui si trovava: l’uomo si è impiccato. Si tratta del 54esimo suicidio nelle carceri italiane dell’inizio dell’anno, ha reso noto Eugenio Sarno, segretario dell’organizzazione sindacale UilPa Penitenziari, che ha sottolineato come a Ravenna l’affollamento medio si attesti fra il 145 e il 150%.
Il carcere potrebbe contenere al massimo 59 detenuti, ha dichiarato Sarno, «ma le presenze sono sempre molte di più. Nell’ultima rilevazione effettuata il 29 settembre se ne contavano 143». Ancora, il contingente di personale «è ridotto all’osso e i servizi sono organizzati in maniera da non poter garantire i livelli minimi di sicurezza. A fronte di un contingente previsto di 78 unità ne risultano in servizio solo 52».