Carlo Terzano

Novità Rc auto: come usufruire degli sconti sulle assicurazioni

Novità Rc auto: come usufruire degli sconti sulle assicurazioni

17 Aprile 2018 14.45
Like me!

Il 2018 porta con sé diverse novità positive per gli automobilisti in tema Rc auto. Non solo, infatti, gli ultimi dati parlano di una tendenza, da parte delle compagnie, di abbassare i prezzi delle assicurazioni, ma entro il 10 luglio sono attesi anche diversi bonus per chi decide di sottoporsi a controlli più stringenti. Vediamo allora di capire tutte le novità.

1. Calano i prezzi: un italiano su due paga meno di 375 euro

Secondo l'ultimo bollettino dell’Ivass (l'Istituto di vigilanza sulle assicurazioni), il prezzo medio della Rc auto nel quarto trimestre 2017 è sceso a 417 euro, con un calo dello 0,8% rispetto al trimestre precedente e dello 0,6% su base annuale. Il 50% degli assicurati nel 2017 ha pagato meno di 375 euro.

FORBICE IN DIMINUZIONE. Buone notizie anche sul versante delle differenze Nord-Sud: il valore dei premi continua a essere eterogeneo e a penalizzare i consumatori che risiedono nelle province meridionali, ma la differenza dell'Rc Auto tra la provincia con i prezzi più elevati e quella con i prezzi più contenuti, rileva l'Ivass, è comunque in progressiva diminuzione nel tempo.

2. Sono 5 milioni i veicoli fantasma: per colpa loro potrebbero arrivare aumenti

Non sembra però esserci il tempo per festeggiare: all'orizzonte potrebbero infatti intravedersi nuovi aumenti. Li ha auspicati Consap, la concessionaria servizi assicurativi pubblici lanciando l'allarme sul Fondo vittime della strada che gestisce per conto dello Stato. Il fondo langue, è in profondo rosso e può essere rimpinguato da un aumento dei premi. Del resto si stima che siano almeno 5 milioni i veicoli che circolano sprovvisti di Rc auto. Il 13% dell'intero parco mezzi italiano.

ALIQUOTA DAL 2,5% AL 4%. In caso di incidente, la sola possibilità per le vittime o i loro famigliari di essere risarciti è proprio attingendo a quel fondo, che non può e non deve restare sguarnito. In merito, Consap aveva chiesto al ministero dello Sviluppo economico che si passasse dall’attuale aliquota pari al 2,5% del premio al 4.

IL DOSSIER RESTA APERTO. Dato che in media, come abbiamo visto, si pagano 417 euro annui, il rincaro sarebbe comunque contenuto, di circa 6 euro. Sopra i 10 per chi abita al Sud. Non si è più fatto nulla, è vero, ma solo perché nel frattempo ci sono state le elezioni e il governo uscente non ha voluto salutare gli italiani con un nuovo balzello. Il dossier resta però sul tavolo del ministro e il successore di Carlo Calenda dovrà occuparsene. E in fretta.

3. Come ottenere gli sconti del 10 luglio: basta rinunciare a una fetta di privacy

Anche alla luce dei possibili rincari, appare ancora più vantaggiosa la possibilità di risparmiare qualche euro con la novità introdotta a breve: Rc auto più leggera per gli automobilisti che rinunciano volontariamente a una fetta di privacy. La novità è contenuta nel regolamento Ivass pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 aprile 2018.

SCATOLA NERA SULL'AUTOVETTURA. Le assicurazioni avranno tempo 90 giorni per adeguarsi, dunque dovranno obbligatoriamente adempiere entro il 10 luglio e saranno costrette a procedere con uno sconto se il consumatore accetta di: lasciare ispezionare preventivamente il proprio veicolo a spese della compagnia o, in alternativa, installare sulla propria autovettura una scatola nera o comunque dispositivi equivalenti o, ancora, installare macchinari che impediscano l'avvio del motore in ipotesi di rilevazione del tasso alcolemico oltre i limiti legali.

4. Sconto previsto per legge: non potrà essere ridimensionato

È importante sottolineare che le assicurazioni non solo non potranno ridurre lo sconto, ma non potranno nemmeno riversare sull’assicurato i costi di installazione e gestione della scatola nera o degli altri dispositivi previsti dall'Invass per accedere allo sgravio sul prezzo. Dunque sappiate che ogni spesa aggiuntiva collegata alla facoltà di accedere al bonus dovrà rimanere a carico delle compagnie.

VALORI INDICATI SEPARATAMENTE. Nel caso in cui la vostra assicurazione non si dimostri collaborativa, ricordate al vostro interlocutore che è tutto scritto all'articolo 132-ter (“Sconti obbligatori”) del Codice delle assicurazioni. Inoltre, gli sconti praticati per ciascuna delle condizioni dovranno essere indicati separatamente dalle compagnie, in valore assoluto e in percentuale, rispetto al prezzo della polizza normalmente applicato, così da rendere facilmente comprensibili i prezzi, i benefici e il risparmio cui andrà in contro il consumatore.

5. Bonus “automobilista virtuoso”: per chi non provoca incidenti in quattro anni

Al comma quarto dell'articolo 132-ter viene invece introdotta l'altra tipologia di sconto: quella indirizzata agli automobilisti virtuosi. La nuova disposizione prevede di applicare un bonus ai guidatori residenti nelle cosiddette “province a rischio” (cioè ad alta sinistrosità che, come si è visto, coincidono con il Meridione), che non abbiano provocato sinistri con responsabilità esclusiva o principale o paritaria negli ultimi quattro anni sulla base dell’evidenza dell’attestato di rischio, e che abbiano installato o decidano di installare, a seguito della stipula del contratto, la scatola nera.

COSÌ SI RIDUCE IL DIVARIO TRA PROVINCE. In tal modo sarà possibile ridurre il divario tra il Nord e il Sud evitando che i consumatori che circolano nelle zone con il più alto tasso di incidenti vengano penalizzati per il solo fatto di abitare nella provincia sbagliata (la lista sarà comunque obbligatoriamente aggiornata ogni due anni), indipendentemente dalla loro capacità alla guida.

6. Portabilità della polizza anche per le coppie di fatto

Tra le novità introdotte c'è anche una modifica del trasferimento della "classe di merito" non più solo ai figli e ai coniugi ma varrà anche per le coppie di fatto. L'Ivass ha però emanato anche un provvedimento che introduce il cosiddetto "attestato di rischio dinamico" per impedire agli automobilisti in cattiva fede di denunciare un incidente solo dopo aver cambiato compagnia assicurativa, così da beneficiare nel passaggio di un prezzo più basso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *