Cosa dice il bollettino di Bankitalia di aprile 2019

Secondo l'istituto di via Nazionale il nostro Paese è uscito dalla fase di recessione tecnica e nei primi mesi dell'anno «l'attività economica sarebbe tornata a crescere».

18 Aprile 2019 13.56
Like me!

Primi segnali di sereno per l'economia italiana e, soprattutto, per il governo M5s-Lega. Dopo mesi di numeri negativi Bankitalia, nel suo bolletino, regala uno zuccherino all'esecutivo segnalando come, secondo le sue stime, «nei mesi invernali l'attività economica sarebbe tornata a crescere». La banca centrale italiana spiega che il nostro Paese «avrebbe lievemente recuperato» dopo la recessione tecnica della seconda metà del 2018. «Il modesto calo dell'occupazione, che nel trimestre autunnale ha riflesso la fase di debolezza ciclica, non sarebbe proseguito nel bimestre gennaio-febbraio», prosegue il rapporto di Via Nazionale.

LEGGI ANCHE: Bankitalia, Conte blocca le nomine e Mattarella si arrabbia

La Banca d'Italia ha aggiunto, riferendosi al Def e alle misure che prevedono l'aumento dell'Iva e delle accise, che nel «quadro programmatico per i prossimi anni sia il disavanzo sia il debito si ridurrebbero, anche grazie al gettito atteso dalle cosiddette clausole di salvaguardia». Nel bollettino si legge anche che «la trasmissione del più elevato livello dei rendimenti sovrani al costo del credito resta contenuta». Bankitalia ha sottolineato come dall'indagine Bank Lending Survey, condotta nel primo trimestre 2019 «i criteri di offerta applicati ai nuovi prestiti alle imprese sono rimasti nel complesso distesi» mentre i sondaggi presso le aziende condotti a marzo «confermano che nello stesso periodo le condizioni di accesso al credito avrebbero registrato un ulteriore deterioramento». Dai sondaggi qualitativi «emergono segnali di irrigidimento» delle condizioni di concessione dei prestiti, «riconducibili sia al peggioramento del quadro macroeconomico sia all'aumento e i costi di provvista». Le segnalazioni di Vigilanza, a febbraio, indicano prestiti in aumento tendenziale del 2,6% alle famiglie, e in calo tendenziale dello 0,1% alle imprese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *