Massimo Russo ha lasciato il digital di Gedi per Hearst

Massimo Russo ha lasciato il digital di Gedi per Hearst

13 Dicembre 2018 09.30
Like me!

Giro di poltrone nel mondo dell'editoria. Massimo Russo ha detto addio alla direzione della divisione digitale di Gedi, il gruppo editoriale de la Repubblica e La Stampa. Lo attende un ruolo di responsabile digitale Western Europe in Hearst. E risponderà a Giacomo Moletto, amministratore delegato di Hearst Magazines Italia, che nel frattempo è diventato chief executive officer Western Europe del gruppo. La scelta di Russo è dettata dalla volontà di avere maggiore visibilità internazionale, soprattutto con gli Stati Uniti.

UN PASSATO TRA L'ESPRESSO, WIRED E LA STAMPA

Russo per 10 anni dal 1991 ha lavorato all'interno del gruppo L’Espresso. Fu nel 1999 tra i fondatori di Kataweb. È stato direttore del mensile Wired Italia dal 2013 al 2015 e successivamente condirettore del quotidiano La Stampa di Maurizio Molinari. Dal luglio del 2016 era diventato direttore generale della divisione digitale di Gedi. Quando lavorava a La Stampa è stato l'ultimo giornalista a intervistare il guru del Movimento 5 stelle Gianroberto Casaleggio prima che morisse. Ha scritto Eretici digitali con Vittorio Zambardino, un saggio sull’incontro tra giornalismo e società digitale.

VOCI SULLA CESSIONE DEL GRUPPO GEDI

A fine novembre 2018 si è parlato molto di una cessione del Gruppo Gedi da parte della famiglia De Benedetti. L’interessato che potrebbe comprare la Repubblica e La Stampa sarebbe Daniel Křetínský, 43enne imprenditore ceco di Brno. Il gruppo viene valutato intorno ai 300 milioni di euro. Sotto la sigla Gedi ci sono anche Il Secolo XIX e le testate Finegil, i periodici (oltre a l'Espresso, Limes, Micromega e le Science), le radio (Deejay e Capital), le attività televisive.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *