Restituzioni M5s, Giulia Sarti denuncia l'ex fidanzato

Restituzioni M5s, Giulia Sarti denuncia l’ex fidanzato

15 Febbraio 2018 14.29
Like me!

La deputata del Movimento 5 stelle Giulia Sarti ha denunciato l'ex fidanzato e collaboratore, Bogdan Andrea Tibusche, accusandolo di aver truccato la contabilità dei suoi rimborsi volontari al Fondo per il microcredito (leggi anche: Bogdan Tibusche, chi è l'ex fidanzato di Giulia Sarti).

QUATTRO BONIFICI NON ANDATI A BUON FINE. In tutto si tratterebbe di quattro bonifici non andati a buon fine, per un totale di 23 mila euro. Sarti, non menzionata da Luigi Di Maio nell’elenco di chi avrebbe mentito sulle restituzioni, era finita comunque nel mirino della trasmissione televisiva le Iene (leggi anche: Rimborsi M5s, Di Maio: «Un buco da 800 mila euro»).

LE PRESUNTE PRESSIONI DELLO STAFF. Negli ambienti della Camera si vociferava di presunte pressioni da parte dello staff pentastellatosulla deputata, che per provare la sua buona fede avrebbe dovuto sporgere denuncia. Ma dal Movimento assicurano che Sarti si è recata in Questura di sua spontanea volontà.

IL FIDANZAMENTO DURATO QUATTRO ANNI. Nella sua denuncia la deputata ha raccontato di essere stata fidanzata con Bogdan «per circa 4 anni». Nonostante il loro rapporto fosse finito da circa un anno, la convivenza «è continuata fino ad ora anche se non ci vediamo dallo scorso dicembre».

SARTI: «MI SONO ACCORTA CHE NON AVEVA FATTO I BONIFICI». Sarti ha spiegato che Bogdan, consulente informatico, «si occupava con il mio consenso della gestione della contabilità», incluse le restituzioni al Fondo per il microcredito. «Martedì sera ho fatto un controllo puntuale e mi sono resa conto che non erano stati eseguiti alcuni bonifici al Mef», ha proseguito Sarti, sottolineando di aver provveduto il 14 febbraio a sanare la sua posizione versando «le somme dovute, pari a 23 mila euro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *