Rifiuti a Roma, Sottile: «Sì a Monti dell’Ortaccio»

Redazione
23/08/2012

Il commissario all’emergenza rifiuti il prefetto Goffredo Sottile ha indicato Monti dell’Ortaccio, il sito vicino a Malagrotta, come il più...

Rifiuti a Roma, Sottile: «Sì a Monti dell’Ortaccio»

Il commissario all’emergenza rifiuti il prefetto Goffredo Sottile ha indicato Monti dell’Ortaccio, il sito vicino a Malagrotta, come il più idoneo per la futura discarica provvisoria di Roma.
«Quello che mi ha portato sulla scelta di Monti dell’Ortaccio è l’urgenza del provvedere alla questione rifiuti. Mi è sembrato il sito più idoneo», ha detto Sottile.
Il prefetto ha spiegato di essere arrivato a questa scelta perché «dall’esame di vari siti mi è sembrato il più idoneo».
ATTESA LA CONFERENZA DEI SERVIZI. Il commissario straordinario all’emergenza rifiuti di Roma ha confermato che a contribuire in questa selezione è stato anche il fatto che il sito vicino alla discarica di Malagrotta, destinata a chiudere entro la fine dell’anno, è pressoché già pronto.
«Ma andrà comunque fatto tutto» ha sottolineato Sottile «nel rispetto delle normative europee, nazionali e regionali».
«Oggi» ha continuato il commissario «è arrivato dalla Regione Lazio il progetto su Monti dell’Ortaccio dell’avvocato Manlio Cerroni. Ora inizierà la procedura volta ad arrivare alla conferenza dei servizi, così da far partecipare gli enti locali per arrivare a una decisione».
I tempi per convocare la conferenza dei servizi dovrebbero essere attorno ai 15 giorni: «Stiamo studiando tutto adesso. Dobbiamo dare la possibilità di consultare il progetto – ha spiegato il prefetto – va fatta la pubblicazione. Poi potremo convocarla».
CONTRARI ALEMANNO E ZINGARETTI. La decisione di Sottile non ha però incontrato il favore del sindaco di Roma, Gianni Alemanno.
«Monti dell’Ortaccio è una scelta sbagliata, di fronte alla quale Roma Capitale ha sempre manifestato la propria contrarietà»,  ha scritto Alemanno chiedendo al prefetto Sottile «una immediata convocazione di tutte le autorità del territorio per spiegarci quali sono le sue reali intenzioni».
A dare il suo appoggio al sindaco della Capitale anche il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti.
«Riteniamo un errore la scelta di Monti dell’Ortaccio come sito provvisorio per la discarica di Roma. Confermiamo l’inopportunità di una scelta che ricade in un’area, come quella della Valle Galeria, già fortemente interessata da numerose attività potenzialmente inquinanti e nocive per la popolazione. Le preoccupazioni dei cittadini, che hanno convocato una fiaccolata il 4 settembre, sono fondate e vanno tenute assolutamente in considerazione», ha affermato in una nota Zingaretti.
FIACCOLATA DI PROTESTA IL 4 SETTEMBRE. Anche i cittadini, infatti, promettono di dare battaglia.
«La prima iniziativa sarà la fiaccolata del 4 settembre, che farà capire che questo è un problema di tutta la città non solo del nostro territorio. Civilmente porteremo avanti la fiaccolata, poi saremo all’ assemblea il 6 settembre, ma non siamo neanche all’inizio. Una cosa è certa: a Monti dell’Ortaccio non verrà scaricata neanche una foglia, a meno che non vogliano farlo sui nostri corpi».
Così ha affermato Mario Ungarelli, promotore del comitato di quartiere del XV municipio il Popolo della Nebbia.
«Siamo nauseati da questi personaggi che fanno e disfano senza nemmeno ascoltare una popolazione che subisce da 40 anni. Siamo stufi» ha concluso infine Ungarelli.