Rom, Francia pronta a modificare legge

Redazione
15/10/2010

La Francia è pronta a modificare la legge sulla libertà di movimento dei cittadini europei per rispondere alle richieste dell’Unione...

Rom, Francia pronta a modificare legge

La Francia è pronta a modificare la legge sulla libertà di movimento dei cittadini europei per rispondere alle richieste dell’Unione Europea in materia di nomadi e rom.
Secondo quanto riferito dal portavoce del Quai d’Orsay, Bernard Valero, le autorità francesi sono disposte a far propri «alcuni dispositivi» previsti dalla direttiva europea 2004/38 «per rispondere alla domanda della Commissione in merito a una maggiore trasparenza e sicurezza giuridica» sulla libera circolazione dei cittadini comunitari nello spazio Ue. Le modifiche, ha precisato Valero, saranno rese note in un secondo momento.
Le dichiarazioni del ministero degli Esteri rispondono alle richieste avanzate da Bruxelles lo scorso 29 settembre, quando l’esecutivo Ue ha lanciato una procedura d’infrazione contro Parigi in materia di libera circolazione degli individui, chiedendo alla Francia di trasporre in diritto nazionale le  normative europee sulla libera circolazione dei cittadini comunitari.
Ma alla Commissione europea non bastano le buone intenzioni. «Sono i fatti che contano, non le parole» ha avvertito il portavoce del commissario alla Giustizia Viviane Reding. Il 15 ottobre è la giornata decisiva per la querelle Bruxelles-Parigi sulla questione dell’espulsione dei rom: entro la serata la Commissione Ue attende i chiarimenti richiesti al governo Sarkozy. «Chiediamo un progetto di legge e un calendario» ha spiegato il portavoce.
Se la Francia non soddisferà le richieste dell’Ue, la procedura d’infrazione approvata all’unanimità dai 27 membri della Commissione avrà inizio il 28 ottobre come programmato.