Roma, sequestrati sei quintali di botti illegali

Redazione
30/12/2023

Oltre 310 mila i pezzi pirotecnici trovati a bordo di tre furgoni nella zona di via Prenestina. In Umbria arrestato un 50enne: aveva in casa 400 chilogrammi di fuochi d’artificio.

Roma, sequestrati sei quintali di botti illegali

I finanzieri del Gruppo Pronto Impiego Roma, in servizio di controllo economico del territorio hanno trovato e sequestrato a bordo di tre furgoni oltre 310 mila artifici pirotecnici, pari a circa sei quintali di materia esplodente. «Il sequestro, con un quantitativo di materia pirica attiva pari a 600 chilogrammi detenuto in assenza delle prescritte cautele di pubblica sicurezza, è avvenuto nel quartiere Prenestino di Roma, in prossimità di via dell’Omo», si legge in una nota della Fiamme Gialle. «Qualora immessa sul mercato la merce sottoposta a sequestro avrebbe fruttato ricavi per diverse migliaia di euro».

Arrestato in Umbria un 50enne: in casa quattro quintali di botti

A Gualdo Tadino, in Umbria, nel corso di un intervento congiunto dalla guardia di finanza e dei carabinieri è stato arrestato un 50enne: in casa deteneva oltre 400 chilogrammi di fuochi d’artificio, che sono stati sequestrati insieme con ordigni esplosivi artigianalmente confezionati. Il controllo è scattato, riferiscono gli investigatori, dopo che l’uomo è stato sorpreso a vendere abusivamente oltre 20 chili di fuochi d’artificio ad un «incauto acquirente». Verificato l’assenza di titoli per l’attività è stata eseguita una perquisizione presso l’abitazione, dove sono stati trovati numerose bombe carta, oltre 200 candelotti Maradona e due batterie pirotecniche collegate in serie. L’arresto è stato convalidato dal giudice del Tribunale di Perugia e l’uomo è stato poi condannato, a seguito di patteggiamento, a un anno di reclusione e 4 mila euro di multa tornando libero.

Numerosi i sequestri di botti illegali negli ultimi giorni dell’anno

Nel corso di controlli intensificati con l’approssimarsi di Capodanno per prevenire la vendita e l’uso di fuochi d’artificio non autorizzati e pericolosi, i carabinieri del comando provinciale di Bari avevano sequestrato complessivamente oltre 40 chilogrammi di materiale pirotecnico. Due i quintali di botti sequestrati a Sassari in una ditta di spedizioni. Undici tonnellate di fuochi d’artificio, per un totale di 702.669 pezzi, sono state sequestrate dai finanzieri del Comando provinciale di Cosenza. A Prato, invece, i carabinieri hanno sequestrato più di 50 mila pezzi di materiale esplodente e denunciato un cittadino cinese, che li aveva messi in vendita nel suo esercizio commerciale senza le necessarie autorizzazioni.