Rosa Fabbiano condannata a 26 anni per aver ucciso la madre Lucia Cipriano

Redazione
15/01/2024

La donna, 59 anni, nel 2022 ha strangolato l'anziana e poi ne ha vilipeso il corpo nascondendolo nel bagno della sua abitazione. Il reato prevede l'ergastolo ma la pena è stata ridotta col riconoscimento delle attenuanti generiche. 

Rosa Fabbiano condannata a 26 anni per aver ucciso la madre Lucia Cipriano

La Corte di Assise di Milano ha condannato a 26 anni di carcere per omicidio volontario Rosa Fabbiano, 59 anni, a processo per avere ucciso nel 2022 la madre 84enne Lucia Cipriano e averne vilipeso il corpo. Le accuse di omicidio volontario aggravato e vilipendio di cadavere erano da ergastolo, ma la pena è stata portata a 26 anni col riconoscimento delle attenuanti generiche.

Secondo i pm il movente è da individuarsi in una situazione di «estremo disagio» nella vita di Fabbiano

Stando alle indagini Rosa Fabbiano avrebbe ucciso la madre strangolandola per poi fare a pezzi il cadavere e nasconderlo nella vasca da bagno dell’abitazione dell’anziana a Melzo, nel Milanese, dove è stato ritrovato dall’altra figlia della donna dopo circa due mesi dal decesso. Secondo quanto riporta la Repubblica, il pm aveva messo in luce la «povertà ideativa, emotiva e anche affettiva» di Fabbiano ma non è stato «sufficiente a mettere in dubbio che non fosse capace di intendere e di volere al momento dei fatti perché non c’è nessuna evidenza». Secondo gli inquirenti Fabbiano avrebbe ucciso la madre a causa di una situazione di «estremo disagio» legato al rapporto difficile con il marito disabile e a seri problemi di salute di cui stava soffrendo, a cui si è aggiunta la necessità di occuparsi della madre anziana.