Redazione

Ruotolo e Borrometi contro Feltri si "sospendono" dall'Ordine dei Giornalisti

Ruotolo e Borrometi contro Feltri si “sospendono” dall’Ordine dei Giornalisti

La decisione (simbolica) dei due dopo l’editoriale di Libero su Camilleri e il «terrone Montalbano». Una petizione chiede la radiazione della controversa firma.

20 Giugno 2019 18.21

Like me!

«Caro Presidente, abbiamo deciso di autosospenderci dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti perché ci consideriamo incompatibili con l’iscrizione all’albo professionale di Vittorio Feltri»: comincia così la lettera aperta scritta da Paolo Borrometi e Sandro Ruotolo al presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, Carlo Verna. «Proprio noi, che più di altri, ci battiamo per la difesa dell’articolo 21 della Costituzione, riteniamo gli scritti e il pensiero del direttore Feltri veri e propri crimini contro la dignità del giornalista» scrivono i due. Su Change.org è partita una petizione che chiede la radiazione di Feltri dall’albo.

LE PAROLE SU CAMILLERI E MONTALBANO

«Le parole di Feltri su Andrea Camilleri e le sue opere», aggiungono, «hanno rappresentato per noi la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Ne va della credibilità di ognuno di noi e della nostra categoria. Adesso basta. O noi o lui. Quel «terrone che ci ha rotto i coglioni» (riferito a Montalbano, ndr) per noi figli del Sud è inaccettabile. Non è in gioco la libertà di pensiero. Sono in gioco i valori della nostra Costituzione. Ogni suo scritto trasuda di razzismo, omofobia, xenofobia».

I TITOLI SOTTO ACCUSA

«Dopo “La miseria portano le malattie” (rivolto ovviamente ai migranti), l’ormai tristemente celebre “Bastardi islamici“», ricordano ancora nella lettera, «o, uscendo dal seminato delle migrazioni, robaccia come “Più patate, meno mimose” in occasione dell’8 marzo (e le diverse varianti dedicate anche a Virginia Raggi, con il “Patata bollente“) o “Renzi e Boschi non scopano“. Poi gli insulti a noi del sud con il celebre “Comandano i terroni” e infine il penultimo, di qualche mese fa, “Vieni avanti Gretina” (dedicato alla visita a Roma di Greta Thunberg)».

«ISTIGA ALL’ODIO»

«L’idea che Vittorio Feltri offre», sottolineano, «è che si possa, impunemente, permettersi questo avvelenamento chirurgico. E non è un problema solo suo. Almeno, non lo è più. A lui non frega niente: il limite, la deontologia, la misura, il buon senso, diremmo perfino la dignità sembrano saltate da tempo. Noi siamo convinti che resti intatta la bellissima frase che recita “Non condivido le tue idee, ma darei la vita per permetterti di esprimerle”. Continuiamo a batterci contro la censura e gli editti, ma non possiamo accettare tra noi chi istiga all’odio. Ne va della nostra credibilità».

LA RISPOSTA DELL’ODG: «L’AUTOSOSPENSIONE NON ESISTE»

«Condivido le ragioni dei colleghi Borrometi e Ruotolo sul caso Feltri-Camilleri, se l’Ordine dei Giornalisti fosse un club mi autosospenderei pure io. Ma non lo è e l’istituto dell’autosospensione non esiste, ci si può semmai cancellare, astenendosi dallo svolgere la professione e, salvo il diritto d’opinione, poi iscriversi di nuovo quando sono cessate le ragioni di cui alla polemica», è stata la risposta del presidente Verna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *