Russia, a Belgorod i cittadini invitati a evacuare dopo gli attacchi di Kiev

Redazione
05/01/2024

Il territorio al confine è stato preso di mira in seguito all'attacco russo del 29 dicembre, quando un'ondata di droni e missili hanno causato la morte di 55 persone in Ucraina. Da questa regione Mosca sta infatti lanciando diversi missili e droni, forse con l'obiettivo di una nuova offensiva su Kharkiv.

Russia, a Belgorod i cittadini invitati a evacuare dopo gli attacchi di Kiev

Il governatore della regione russa di Belgorod, al confine con l’Ucraina, ha suggerito agli abitanti di evacuare il territorio dopo gli attacchi ucraini in risposta all’attacco russo del 29 dicembre, quando un’ondata di droni e missili hanno causato la morte di 55 persone in Ucraina. «Da oggi siamo pronti a trasportarvi a Stary Oskol e Gubkin dove vi troverete in condizioni confortevoli, in stanze calde e sicure», ha indicato ai 300 mila abitanti della regione il governatore Vyacheslav Gladkov.

LEGGI ANCHE: Usa: «La Russia ha iniziato a utilizzare in Ucraina missili balistici ricevuti dalla Corea del Nord»

La Russia starebbe preparando una nuova offensiva

Le forze di difesa aerea dell’Ucraina hanno abbattuto nelle ultime ore almeno 10 droni kamikaze Shahed lanciati dai russi sul suolo ucrain0. Mentre l’attacco su Belgorod ha causato 25 morti. Lo afferma l’addetta stampa delle forze di difesa meridionali, Natalya Gumenyuk, citata da Rbc-Ucraina. La Russia sta lanciando diversi attacchi da Belgorod perché si starebbe preparando a una nuova offensiva nella regione di Kharkiv, e i preparativi sarebbero già in corso con diversi bombardamenti sul capoluogo e altre località, che hanno colpito sia edifici civili sia posizioni militari. Lo riferisce una fonte vicina alle forze armate ucraine citata dal Telegraph. Secondo la fonte un’intensificazione delle ostilità al nord del fronte potrebbe verificarsi nel fine settimane, in coincidenza con le celebrazioni del Natale in Russia il prossimo 7 gennaio, mentre l”offensiva di terra potrebbe iniziare il 15 gennaio.