Russia, incendio in un centro commerciale: almeno 64 morti

Redazione
25/03/2018

In Russia almeno 64 persone sono morte in un devastante incendio in un centro commerciale nella cittadina di Kemerovo, in...

Russia, incendio in un centro commerciale: almeno 64 morti

In Russia almeno 64 persone sono morte in un devastante incendio in un centro commerciale nella cittadina di Kemerovo, in Siberia, a circa 3.600 a Est di Mosca: tra le vittime potrebbero esserci fino a 41 bambini, secondo quanto riporta la Bbc online che cita funzionari russi. Finora si contano fino a 27 dispersi. I feriti nelle fiamme, rivelano le fonti, sono almeno 43. Sull'episodio, rivela la Tass, è stata aperta un'inchiesta penale. Le immagini diffuse dalle televisioni mostrano colonne di fumo nero che escono dalle finestre e persone che saltano da finestre e cornicioni per sfuggire alla morte.

LE USCITE DI SICUREZZA ERANO BLOCCATE. «Le norme sulla sicurezza sono state gravemente violate durante la costruzione del centro commerciale Zimnyaya Vishnya di Kemerovo così come durante il suo esercizio, in particolare le uscite di emergenza sono state bloccate», ha sottolineato il Comitato Investigativo russo aggiungendo che gli inquirenti stanno esaminando le segnalazioni di altre violazioni. È stato inoltre accertato che un addetto della sicurezza del mall ha disattivato l'impianto antincendio e ora potrebbe essere arrestato.

«NON HANNO NEANCHE ACCESO LE LUCI». I media russi hanno iniziato a raccogliere le testimonianze dei sopravvissuti alla tragedia. Molti concordano che i sistemi antincendio non si sono attivati. Anna Zarechneva, che si trovava al mall con il marito e il figlio piccolo, ha raccontato su Instagram che «nei cinema hanno continuato a proiettare i film e non hanno riacceso le luci». La Guardia Nazionale russa ha fatto sapere che aprirà un'indagine sul comportamento del personale di sicurezza impiegato nel centro commerciale. «Se verranno accertate condotte criminali, queste persone verranno perseguite a norma di legge», ha detto Alexander Khinshtein, braccio destro del direttore dell'agenzia, a Interfax.

[mupvideo idp=”5757968283001″ vid=””]

I vigili del fuoco sono riusciti a domare le fiamme solo dopo diverse ore. La maggior parte delle vittime si trovava in un cinema all'interno del grande shopping mall 'Zimnyaya Vishnya' (Ciliegia d'inverno), nel centro della cittadina mineraria di Kemerovo, capoluogo dell'omonima regione la cui economia deve molto alle miniere di carbone.

DUBBI SUL NUMERO DEI DISPERSI. Quello di Zimnyaya Vishnya è un complesso di 23.000 metri quadrati, aperto nel 2013, con 250 posti macchina, molti negozi, ristoranti, una sala cinematografica, sala bowling e un'aerea per i bambini. Le fiamme, secondo i primi accertamenti, sono partite dal quarto piano, nel pieno di una tranquilla apertura domenicale, con il centro gremito di famiglie con bambini, e hanno distrutto un'area di circa 1.600 metri quadrati. Almeno 20 persone sono state messe in salvo, mentre altre 100 circa sono state evacuate poco dopo l'allarme.